“The Host” (2006) di Bong Joon-ho

Prima di “Parasite” e “Snowpiercer”, il nostro maestro coreano Bong Joon-oh se ne usciva con questo monster movie, da molti valutato come uno dei migliori del genere degli anni 2000. A detta mia, i motivi sono tanti: primo di tutti, il suo ritmo avvincente che non annoia mai lo spettatore. L’attenzione infatti rimane sempre vivida…

“The Disaster Artist” di James Franco (2017)

“The Disaster Artist” è un docufilm che racconta la storia di un certo altro film, ovvero “The Room” del 2003, di Tommy Wiseau. Vorrei parlare di entrambe le pellicole perché, vi assicuro, quello che sto per dirvi è una delle storie più assurde, anche se potrà sembrare triste, sul mondo del cinema. Nel 2013, Greg…

“The Wrestler” (2008) di Darren Aronofsky

Randy “The Ram” Robinson è un wrestler professionista al tramonto della sua carriera. E’ passato ormai tempo dai gloriosi anni 80 in cui dominava i ring e cavalcava l’onda del successo e adesso, sempre più acciaccato e avanti con l’età, si limita a lavorare in un supermercato e a disputare incontri nei club di contea….

“La fine del mondo” (2013) di Edgar Wright

“La fine del mondo” è il terzo capitolo della fortunata trilogia del cornetto di Edgar Wright che vede protagonisti i soliti Simon Pegg e Nick Frost al massimo della forma. I tre film in realtà sono scollegati narrativamente e costituiscono una trilogia solo per la presenza dell’italianissimo cornetto Algida (non scherzo!) in tutte e tre…

“I duellanti” (1977) di #RidleyScott

Ridley Scott, lo stesso regista che soltanto due anni dopo farà uscire il famigerato film di fantascienza “Alien”, mette in scena quest’opera dalla narrazione trascinante e dalla potenza visiva incredibile, basandola sul romanzo “Il duello” di Joseph Conrad. Siamo nel 1801 a Strasburgo, inizio dell’era napoleonica. Il tenente D’Hubert (Keith Carradine) viene incaricato di raggiungere…

“Arsenico e vecchi merletti” (1944) di Frank Capra

Risate e terrore. “Arsenico e vecchi merletti” è un capolavoro. Ispirato ad una commedia teatrale che spopolò intorno agli anni 40, venne riadattato per il cinema in maniera magistrale. Anzitutto è importante dire che sia la sceneggiatura sia la messa in scena sono entrambe molto complesse… non vi preoccupate, complesse da fare, non complesse per…

“Lost in translation” (2003) di Sofia Coppola

Scarlett Johansson e Bill Murray. Come affezionarsi a due protagonisti così diversi. Da un lato, una ragazza appena diciottenne che con la sua presenza scenica già buca lo schermo. Dall’altra, un volto noto del cinema con alle spalle le sue molteplici esperienze, ad interpretare questo personaggio abbattuto e malinconico. Murray è infatti Bob, un attore…

“Luci della città” di Charlie Chaplin (1931)

Normalmente si sente dire che i film sentimentali o i film romantici non piacciono. Le motivazioni del perché viene detto sono le seguenti. O il film è talmente mieloso da risultare fastidioso per un eccesso di sentimentalismo, o quel sentimentalismo non ci entra dentro e noi spettatori rimaniamo in qualche modo distaccati l’animo dei personaggi….

“L’inquilino del terzo piano” di Roman Polansky (1976)

Il film vive indubbiamente della sua sceneggiatura e della messa in scena. La sua incredibile forza narrativa riesce a spingerti nei dubbi e nelle preoccupazioni del protagonista, Polansky, che recita il solito personaggio scritto su se stesso del quale non sapremo mai il nome se non “sig. Trelkowski”. La prima sequenza, lo mostra in procinto…

“Stalker” di Andrej Tarkovskij (1979)

Questo è forse il film che più mi ha fatto pensare. Che cos’è la felicità? La si può raggiungere? Esiste e può durare più di qualche secondo?… C’è una forte malinconia che aleggia un po’ su tutti i miei coetanei, me compreso. Una malinconia che di solito comincia ad avvolgerti sui vent’anni e non saprei…