“Marie Antoinette” (2006) di Sofia Coppola

Con un cast quasi tutto al femminile, Sofia Coppola tira fuori un film leggerissimo e simpaticissimo sulla storia di Maria Antonietta, regina di Francia e moglie di Luigi XVI, dal loro matrimonio fino allo scoppio della rivoluzione francese.

Trasferita in Francia per un matrimonio di comodo, la principessa austriaca Antoinette di soli 14 anni, prende in sposo Luigi XVI di Francia. Oltre a doversi abituare ai modi nobili della corte di Versailles, la sfortunata e ribelle Kirsten Dunst che interpreterà la protagonista, dovrà fare i conti anche con suo marito che proprio non se la sente di passare una notte d’amore con lei. Questo però è male, in quanto solo l’avere un figlio consoliderebbe il suo titolo di futura regina, perciò assillata dai continui fastidi, si dedicherà a una vita spendacciona e all’insegna di continue feste e nuovi vestiti. La seconda parte narrerà invece dei suoi ultimi anni al trono, e le conseguenze delle enormi spese, per favorire l’America in conflitto con gli inglesi, che impoverirono il regno di Francia in quegli anni.

Il film raggiunge un livello di originalità molto interessante. Anzitutto Sofia Coppola narra una storia in costume, ambientata nel settecento con la leggerezza di una sorta di commedia adolescenziale, a tratti sentimentale e certo con qualche vena drammatica. In più l’atmosfera barocca e pomposa caratteristica di quel periodo storico è annullata completamente da una colonna sonora che incide molto sulle le intenzioni del film. Per metà musica classica, per metà musica moderna tra pop, post punk o comunque rock. Non a caso il titolo del film appare graficamente simile al nome “Sex Pistols” sulla copertina del loro album.

Il termine con cui definirei questo “Marie Antoinette” è soft. Non c’è troppa commedia, non c’è troppa “storia d’amore”, non c’è drammaticità quasi per nulla. C’è l’empatia che noi sviluppiamo nei confronti di Kirsten Dunst che è bravissima nella parte, con un personaggio molto ben caratterizzato. E’ questo che ci trascina nella narrazione. Il solo fatto assurdo che il marito non si concede ad una notte di l’amore con lei è la trama centrale di tutta la prima parte del film. Non avevo mai visto un idea così semplice poter funzionare così bene per cosi tanto tempo senza troppe ulteriori sotto-trame di supporto. Questo accade perche tutto il resto degli elementi del film funziona benissimo. L’aspetto visivo, con l’uso dei colori e di una luce quasi sempre fumosa e che crea poche ombre è una gioia per gli occhi. Stessa cosa per le scenografie e i costumi, infatti per questi ultimi il film vince anche l’Oscar. L’interpretazioni di tutte le attrici è ottima senza nulla togliere al bravissimo Jason Schwartzman che è un impacciato Luigi XVI. Da citare anche la nostra Asia Argento che ci fa onore in questa pellicola estera. Inoltre il ritmo del film scorre veloce, forse troppo nella seconda parte che però nonostante tutto riesce ad emozionare lo stesso anche se, per enfatizzare ancor di più alcune scene c’era bisogno di rallentare un po il passo. Ma in ogni caso il film funziona ed è forse anche per via del finale un po’ improvviso che riesce a rimanere piuttosto leggero anche nelle sequenze drammatiche. Concludo consigliandolo perché mostra con originalità un bel mischione di elementi mai visti insieme rimanendo comunque molto leggero, fruibile, e magari chissà, può avvicinare anche al genere dei film in costume.

Non sono riuscito a trovare un trailer in italiano con un ottima qualità video. In ogni caso il film lo potete trovare su Netflix! A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.