Recensione “Cliché Noir” di Riccardo Gramazio

61mkasxv3ol-1

Titolo: Cliché Noir

Autore: Riccardo Gramazio

Editore: Lettere animate

Genere: Horror -Thriller

Data pubblicazione: 13 Settembre 2017

Voto:4/5

Cartaceo ->9,50€ | Ebook -> 2,99€ 


Sinossi

Un grossista da colpire, una squadra da allestire e parecchi soldi da intascare. Un viaggio scomodo da nord a sud per raggiungere la fittizia Purple Beach, città in cui risiede l’Alieno, il grande e meticoloso capo banda. Personaggi ambigui, violenti e dai tratti folli. Imprevisti, aneddoti, sangue e immoralità in abbondanza. Cliché noir è un omaggio sincero alla tradizione pulp, un romanzo che spiazza e diverte al contempo.

Recensione

La perfetta definizione di un libro pulp; Cliché Noir è un concentrato di criminalità, affari loschi, boss e assassinii. Si viene scagliati in un mondo caotico, malfamato e indifferente alle trame che si delineano al suo interno. Jackie, Il Biondo e Cat sono tre criminali con un compito ben preciso da eseguire, assegnato loro da L’Alieno, colui che tira le fila dell’organizzazione di cui fanno parte. Non è colpa loro se finiscono in un disastro dietro l’altro! La strada che percorrono in auto, strizzati sui sedili e galleggiando nell’abitacolo afoso, le battute che si scambiano fanno sì che si possa modellare la storia che andremo a leggere, ma gli avvenimenti non mancano di sorprenderci. Non mi sarei aspettata, in un romanzo di meno di 150 pagine, un affollamento così cospicuo di personaggi, omicidi e polvere bianca. Con poche e taglienti parole, l’autore è riuscito a ricreare la tipica atmosfera di certi film degli anni ottanta, sulle vicissitudini di malavitosi e spacciatori, pezzi grossi e prostitute. La narrazione è cruda, cruenta, possiamo quasi percepire il sentore del sangue che spesso schizza dai cadaveri che i tre compagni incontrano nel loro viaggio. Le donne sono rappresentate come creature bellissime, con cui potersi divertire e da poter schiavizzare a proprio piacimento. In un altro contesto ciò mi avrebbe fatto decisamente irritare, ma fa queste pagine il destino delle ragazze non poteva essere altro. Forse mi è mancata una figura femminile in grado di intimidire l’uomo e tenergli testa, non troppo rara da pescare nel genere pulp. Ma questi sono dettagli, non si fa nemmeno in tempo ad accorgersi di una piccolezza del genere visto il ritmo che si mantiene costante per tutto il racconto. Davvero ben scritto e interessante, lo consiglio per l’universo criminale costruito con ingegno e caparbietà e per gli iconici personaggi. Di questi vengono rilasciati a poco a poco, come tramite un contagocce, delle informazioni che aiutano a farceli inquadrare. Ognuno vi rimarrà impresso, così come i loro soprannomi (che mi hanno ricordato Romanzo Criminale). A meno che non siate deboli di stomaco, Cliché Noir rapisce nel suo vortice di illegalità, donando una piacevolissima lettura al cardiopalma.

Voto: 4/5

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. gialliethriller ha detto:

    Sembra interessante

    Piace a 1 persona

    1. Chiara Nocchu Cionco ha detto:

      Lo è😊

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.