Recensione di “Madame X” di Tess Gerritsen

41dqcnhiwrl-_sx317_bo1204203200_

Titolo: Madame X

Autore: Tess Gerritsen

Editore: TEA

Genere: Giallo/Thriller

Data pubblicazione: 23 Luglio 2015

Voto: 4/5

Link Amazon


Sinossi

Questa non è un’autopsia di routine. L’anatomopatologa Maura Isles, di Boston, ne è certa: questa non sarà una notte come le altre. Ad attenderla, al Pilgrim Hospital, c’è una ressa di giornalisti. Riflettori che illuminano a giorno. C’è perfino una troupe televisiva. E, soprattutto, c’è lei: Madame X. Maura è abituata ai corpi stesi sul suo tavolo settorio, non per niente è soprannominata “la regina dei morti”, ma questo cadavere è diverso. È coperto interamente da bende di lino impregnate di resina, che risalgono a duemila anni prima. I suoi organi interni sono stati asportati, a cominciare dal cervello. Solo il cuore è rimasto al suo posto, perché è lì che gli antichi egizi credevano risiedesse l’intelligenza. Madame X infatti è una mummia, ritrovata per puro caso negli scantinati di un museo in decadenza. E quella in corso non è soltanto un’autopsia, è un vero e proprio evento mediatico, perché Madame X è ormai famosissima per via del mistero che la circonda. Ma quando, scansione dopo scansione, la TAC arriva alle gambe, Maura scorge qualcosa che non dovrebbe essere lì. Qualcosa di impossibile. Un piccolo dettaglio che trasformerà definitivamente quell’autopsia a scopo archeologico in qualcosa di molto più sinistro e inquietante. Madame X è la prova dell’omicidio più efferato e maniacalmente eseguito che Boston ricordi… Ed è solo il primo.

Recensione

Il romanzo, raccontato in terza persona, permette al lettore di appassionarsi subito all’indagine in cui vengono coinvolte la coroner Maura Isles e l’agente Jane Rizzoli relativa alla morte di alcune giovani donne.

Fin da subito il lettore entra in sintonia con gli agenti ed il coroner che indagano sul ritrovamento di un corpo che sembra essere di una mummia egizia essendo stata trattata esattamente come si faceva nell’antico Egitto ma ben presto viene a galla la verità perchè sul corpo sono trovati indizi che portano alla verità e che quello non può essere il corpo di un antico egiziano. La scrittrice racconta nel dettaglio tutti i vari passaggi delle indagini e porta il lettore a diventare una sorta di assistente del coroner per poter aiutare le forze dell’ordine ed il medico legale a scoprire il colpevole attraverso gli indizi che possono essere trovati.

Le due protagoniste delle indagini, la coroner Maura Isles e l’agente Jane Rizzoli, non potrebbero essere più diverse : Maura segue alla lettera la legge e si attiene solamente alle prove che raccoglie e nella vita privata si ritrova spesso sola perchè legata ad un uomo che non può sposarla, mentre Jane si affida spesso all’intuito e nella vita privata è circondata dall’enorme e chiassosa famiglia di origine italiana ma anche dal marito e dalla figlia a cui è molto legata. Le due, nonostante le loro differenze, formano una coppia perfetta per svolgere il lavoro d’indagine essendo, in un certo senso, complementari una dell’altra e singolarmente non potrebbero essere così efficienti.

 

Consiglio questo libro perchè permette al lettore di entrare nell’indagine e affiancare le due protagoniste nella ricerca della verità restando a bocca aperta quando questa viene fuori perchè nulla è come sembra. Libro molto coinvolgente perfetto da mettere in valigia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.