Intervista esclusiva: Il Mezzosoprano Elena De Simone incide un Cd di arie di Maria Teresa Agnesi


E’ uscito a Gennaio 2020 il Cd di arie inedite della compositrice Maria Teresa Agnesi per la casa discografica Tactus, interpretate dal Mezzosoprano Elena De Simone.

In occasione del trecentesimo anniversario dalla nascita, esce un Cd di musiche di Maria Teresa Agnesi. Nell’estate del 1749 la giovane compositrice decide di dedicare una raccolta di arie a Maria Antonia di Baviera Principessa Reale di Polonia. La raccolta porta il semplice titolo “Arie con Istromenti” e la firma della compositrice, la quale accanto al suo nome scrive l’aggettivo Milanese facendo intendere un certo orgoglio per le sue origini. Purtroppo oggi il suo nome non viene sempre ricordato così come meriterebbe. Per tale motivo la casa discografica Tactus ha deciso di far uscire un Cd interamente dedicato a lei.
Il mezzosoprano Elena De Simone è l’interprete di queste arie e ne è anche la trascrittrice. La cantante ha voluto rendere omaggio a questa grande compositrice riscoprendo e facendo rivivere questa raccolta, il cui manoscritto è stato nascosto per secoli nel buio scaffale di una biblioteca.

Ordina da Amazon -> CD 12,45€

Biografia interprete

Elena De Simone

Elena De Simone
Mezzosoprano veneziano, laureata in psicologia si diploma a pieni voti in canto lirico presso il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, e in pianoforte presso il Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste. Successivamente si perfeziona in canto lirico con Montserrat Caballé.
Vincitrice di numerosi Concorsi di canto, ha debuttato alcuni dei più importanti Ruoli per Mezzosoprano, tra cui ricordiamo: Carmen nell’opera omonima di G. Bizet, Flora nell’opera “La
Traviata
” e Maddalena nell’opera “Rigoletto” di G. Verdi, Suzuki nell’opera Madama Butterfly e Frugola nell’opera “Il Tabarro” di G. Puccini, Adalgisa nell’opera “Norma” e Romeo nell’opera “I Capuleti e i Montecchi” di V. Bellini, Rosina nell’opera “Il Barbiere di Siviglia”, Angelina nell’opera “La Cenerentola”, Clarina nell’opera “la Cambiale di Matrimonio” di G. Rossini, Cherubino nell’opera “Le Nozze di Figaro” , Dorabella nell’opera “Così Fan Tutte” e Donna Elvira nell’opera “Don Giovanni”di W. A. Mozart.
Ha collaborato con Maestri di fama internazionale quali: Claudio Desderi, Leone Magiera, Roberto Zarpellon, Luca Mosca, il quale le affida il ruolo di Amando della sua opera inedita “L’Uomo di Vetro” e quello di Ria con cui si esibisce al Teatro Comunale di Treviso nell’opera “Aura”.
Si specializza in seguito in opera barocca. Appassionata dell’opera del ‘700 interpreta alcuni ruoli del repertorio buffo, tra questi il ruolo di Eugenia nell’opera “Il Filosofo di Campagna” di B. Galuppi, Dirindina nell’opera “Dirindina” di D. Scarlatti, Vespetta nell’opera “Il Pimpinone” di T. Albinoni, Fidalma nell’opera “Il Matrimonio segreto” di D. Cimarosa, Mergellina nell’opera “L’uccellatrice” di N. Jommelli.
Incide i DVD degli intermezzi Dirindina e Pimpinone per la casa discografica Dynamic.
Si dedica così alla trascrizione di inediti di musica tardo barocca. Scopre alcune arie di indubbio interesse musicologico , tra le quali “Parto ma tu ben mio” di A. Hasse.
Incide Cd per la casa discografica Tactus di arie inedite di A. Hasse e Maria Teresa Agnesi, compositrice milanese del ‘700.
E’ stata Ospite del Programma Ridotto dell’Opera, condotto dal musicologo Giorgio Appolonia, presso la Radio Svizzera (Rete Due), di Venice Classic Radio, intervistata da Massimo Lombardi e del programma “Musica Maestro” intervistata da Armando Torno.
E’ stata recentemente ospite al Festival Agnesi dedicato alla compositrice Maria Teresa Agnesi, in cui ha cantato diverse arie, di cui è stata trascrittrice. 

Sitoweb: elenadesimone.it


Intervista esclusiva

Elena De Simone

Ben arrivata in muatyland.com e grazie mille per l’intervista esclusiva che sta rilasciando, per noi è un onore. Iniziamo chiedendole come è avvenuto il ritrovamento di tali spartiti? Come è stato il lavoro di recupero e trascrizione?

Grazie mille a voi per questa intervista. Il lavoro che mi ha portato a conoscere ed esplorare la musica di Maria Teresa Agnesi è stato per me qualcosa di sorprendente. Dal 2016 ho scelto di affiancare alla mia normale carriera di cantante lirica quella di trascrizione e incisione di inediti di musica barocca. Nel cercare alcuni manoscritti di B. Galuppi, mi sono imbattuta, quasi per caso, nel manoscritto della Agnesi. La curiosità è stata fortissima, così ho cominciato a trascrivere l’intera partitura e mi sono resa conto del grandissimo valore di questa musica. E’ stato un lavoro lungo e faticoso, ma che mi ha portato moltissime soddisfazioni.


Quale emozione ha provato ad essere la prima esecutrice in era moderna di musica celata per secoli?

Un’emozione indescrivibile. Credo che la massima aspirazione di qualsiasi cantante sia quella di poter essere il primo interprete di un’opera, ancora più grande se il compositore la scrive per la sua voce. Ovviamente in questo caso la seconda condizione non è stata possibile, tuttavia ho trovato una certa facilità nell’interpretare le sue arie, scritte per un registro centrale che ben si accorda con la voce del mezzosoprano. La scrittura vocale della Agnesi è particolarmente interessante poiché, oltre ad essere scritta con la giusta dose di virtuosismo, richiede al cantante numerosi salti dal registro grave a quello acuto e viceversa, con l’evidente intento di voler sottolineare diversi stati d’animo e di voler creare differenti colori all’interno di ogni aria.


Come si è proceduto al lavoro di incisione e alla collaborazione con la Tactus?

La collaborazione con la casa discografica Tactus è nata fin dagli esordi della mia attività di ricerca. Il primo Cd è stato una raccolta di arie inedite di A. Hasse, da quel momento ho deciso di continuare in questa direzione, cercando di unire l’attività di ricerca a quella discografica. Per il lavoro di incisione collaboro con l’ensemble “Il Mosaico” specializzato in musica barocca.


Chi era Maria Teresa Agnesi? In cosa si rivede in lei?

Maria Teresa Agnesi è stata una grande compositrice del ‘700. Quest’anno, il 2020, è il trecentesimo anniversario dalla sua nascita, cosa che mi fa ancor più emozionare se penso che ho cominciato a trascrivere la sua musica cercando quella di B. Galuppi. Non è stato un caso, i critici dell’epoca hanno infatti spesso paragonato la musica di Maria Teresa Agnesi a quella del compositore veneziano.

Maria Teresa Agnesi era una donna, oltre che una compositrice. Questo ha condizionato molto la sua attività musicale. Nonostante una vita apparentemente tranquilla, ha dovuto affrontare la pressione di un padre che non le consentiva di costruirsi una vita propria e delle maldicenze sempre pronte a diffondersi, ha dovuto inoltre accettare di non poter fare della musica la sua professione. Maria Teresa Agnesi era dilettante per rango, ovvero non poteva essere compositrice di mestiere in quanto proveniva da una famiglia con titolo nobiliare. Se si considera però che morì in miseria, si può supporre che la possibilità di trarre guadagno dal suo lavoro forse avrebbe potuto aiutarla.

Non oso pensare di rivedermi in lei, sicuramente nutro una grande ammirazione. Credo che la sua opera possa essere d’esempio a me e alla mia generazione che spesso non è pronta ad affrontare i grossi ostacoli della vita.


Quale filo conduttore ha questa raccolta di arie dedicate a Maria Antonia di Baviera Principessa Reale di Polonia?

I testi delle arie della raccolta sono prevalentemente tratti da opere di Metastasio. Non esiste un vero e proprio filo conduttore, tuttavia a me è sembrato di riconoscere una sorta di percorso psicologico. Maria Teresa Agnesi sembra avere quasi un senso di colpa verso il padre per il suo talento. Vorrebbe andarsene e spiccare il volo, ma non può e questo suo desiderio la fa sentire inadeguata e fragile. L’ultima aria della raccolta è “Alla prigione antica”, il cui testo parla di un uccellino che preferisce tornare in gabbia anche quando ha l’opportunità di uscirne.


Lei è una cantante professionista, come è arrivata a trasformare una passione in lavoro? Come si è avvicinata al mondo della musica?

Non è stato facile, ma ci sono riuscita. La strada per essere cantanti professionisti oggi è sicuramente una strada in salita. Nonostante ciò, sono fermamente convinta che ognuno di noi debba seguire le proprie passioni, credo sia l’unica strada per poter conoscere se stessi.

La musica ha sempre fatto parte della mia vita, ho ascoltato “Le Nozze di Figaro” e il “ Don Giovanni” di W.A. Mozart quando ero ancora una bambina e me ne sono letteralmente innamorata. In quel momento ho capito che la mia strada sarebbe stata quella della cantante lirica.


Ha un sogno nel cassetto in ambito musicale che vorrebbe condividere con i nostri lettori?

Il mio sogno costante è quello di cantare Mozart, quello nel cassetto sarebbe riuscire ad intraprendere un progetto discografico su qualcuna delle sue opere.


Oltre al progetto discografico, sarebbe molto interessante poter godere di tale musica dal vivo. Avete in progetto una serie di concerti per promuovere la pubblicazione e far conoscere l’autrice a molti più ascoltatori?

Si, abbiamo già fatto alcuni concerti dal vivo proponendo la musica di Maria Teresa Agnesi e stiamo continuando a muoverci in tal senso. In particolare vorrei citare il Festival Agnesi, dedicato alla compositrice, nel quale ho cantato alcune sue arie.


Salutandola e ringraziandola ancora per questa opportunità e per averci scelto, le chiediamo di lasciare un pensiero che sia una sorta di invito all’ascolto.

Vorrei invitare chi ascolta a farlo con curiosità e semplicità. Una musica che può sembrare lontana e diversa da quella del mondo moderno può regalarci emozioni nuove e sconosciute, ma dobbiamo darle questa opportunità avendo il coraggio di abbandonarci a noi stessi e di lasciarci trasportare da qualcosa di insolito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.