Recensione “Parlami ancora di Elena” Può uno psicologo superare i propri limiti? di Clementina Tirino

41tacuaxu2bl

Titolo: Parlami ancora di Elena: Può uno psicologo superare i suoi limiti?

Autore: Clementina Tirino

Casa editrice: Indipendete

Genere: Narrativa Contemporanea

Data pubblicazione: 25 Settembre 2017

Voto: 4/5

Cartaceo -> 8,40€ | Ebook -> 1,03€


Sinossi

Alessandro Pollion, psicologo di successo, affascinante, ricco abbastanza da permettersi quasi tutto.
Si imbatte in Celeste; ultra cinquantenne, donna forte con un passato turbolento alle spalle.
Il dottor Pollion attraverso spezzoni di ricordi rivive la sua storia clandestina con Elena; ragazza rom conosciuta per caso. Celeste a causa di vuoti di memoria dovuti ad una malattia terminale diventerà cliente del dott. Pollion. La terapia consisterà nel risvegliare i ricordi nascosti nella mente di Celeste per evitare una paralisi mentale. Ma le loro storie si intrecceranno in confessioni. Lo psicologo andrà oltre i propri limiti e aprirà il cuore a Celeste, liberando Elena che ormai vive solo nei ricordi .La signora Celeste cambierà il suo ruolo di paziente. Si svelerà non solo donna, amante e mamma perfetta ma attrice di una vita intera.
Non tutto è come sembra e non tutto ha una risposta. Forse non tutto ha avuto veramente un inizio. Celeste lascerà nel cuore del dottore un segno importante .

Recensione

“L’anima nasce vecchia e diventa giovane, il corpo nasce giovane e diventa vecchio. Ecco la commedia della vita e la tragedia dell’anima.”

“Parlami ancora di Elena” un libro che gioca sulla parola, sul raccontare e sul raccontarsi attraverso due monologhi interiori ed esteriori di questi due protagonisti che ripercorrono l’intera vicenda.

La storia inizia con il dottor Pollion; uno psicologo di successo a cui tutti guardano come modello esemplare di virtù e moralità, marito perfetto e padre impeccabile ma anche lui ha il suo scheletro nell’armadio.                                                                                                          Il suo matrimonio con Giulia volto più a curare l’aspetto che il contenuto era diventato monotono, spento e privo di qualsiasi stimolo.                                                                                A scuotere l’animo del dottor Pollion era stata una persona appartenente a un mondo del tutto differente dal suo; una ragazza room di nome Elena.                                                    Non indossava le scarpe firmate e nemmeno l’ultimo profumo alla moda ma aveva un animo nobile e tanto amore da donare.                                                                                            Se nelle favole le storie d’amore cominciano con il famoso C’erta una volta qui è cominciata con un caffè, che altro non è che una scusa come scrisse De Crescenzo.            

Non una cliente abituale, la signora Celeste venne portata in terapia dalla figlia Alessandra preoccupata dei suoi continui cambi d’animo e mancamenti .                              Dopo vari incontri la tensione cominciò a sciogliersi e Celeste acquistava sempre più sicurezza  raccontando un poco alla volta la sua infanzia, la sua adolescenza e infine un matrimonio apatico .                                                                                                                              Come per le favole diventare eroina ha un prezzo da pagare il suo era stato di dover crescere con la cattiva zia Ilde; una donna spregevole verso tutti sempre pronta a fare il peso di ogni situazione non mancando mai occasione di umiliare i propri familiari.          Rassegnata che per lei non esisteva amore decise di sposarsi con Vittorio, un matrimonio che le assicurava una stabilità economica e lussi che non aveva mai conosciuto.                                                                                                                                               

Il dottor Pollion a differenza del trattamento che riservava per gli altri pazienti con Celeste si lascia trasportare dal suo racconto arrivando a fare qualcosa di inusuale……invertire i ruoli.                                                                                                                Non aveva mai confidato a nessuno la storia con Elena e quanto per lui fosse ancora importante.                                                                                                                                              Le parla dei primi incontri, dei loro momenti intimi trascorsi presso la pensione Mediterraneo e di quanto fosse pericolosa la relazione perchè non solo anche lei era sposata ma i room non possono frequentare nessuno che non faccia parte della loro comunità, o meglio nel loro gergo un Gege.                                                                                    La signora Celeste nonostante trovava beneficio da questi incontri venne portata subito in ospedale per alcuni mancamenti.                                                                                              Il dottor Pollion preso dall’affetto verso questa paziente decise di andare a casa sua ma lì scoprì che la signora Celeste era solo stata un’attrice per tutto il tempo.                                                   

Alla fine del racconto si capisce che c’è stato uno spostamento temporale degli eventi e il dottor Pollion aveva completamente perso la ragione dopo essere venuto a conoscenza della morte del suo Amore.                                                                                                                  Morale della storia è che tutti hanno bisogno di un amico, confidente con cui sfogarsi , chiedere consiglio o vedere l’altra faccia della medaglia.                                                            Si sa tenere tutto dentro non è buono per il proprio stato d’animo e ciò influisce sulla nostra vita quotidiana e nel modo di interagire con gli altri portando a volte a compiere errori di percorso che un domani potremmo pentircene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.