Recensione “La mia vita capovolta” di Cosimo Schena

410vs7twqwl._sx322_bo1204203200_

Titolo: La mia vita capovolta

Autore: Cosimo Schena

Editore: Indipendente

Genere: Narrativa Contemporanea

Data pubblicazione: 29 Marzo 2018

Voto: 3/5

Cartaceo -> 12€ | Ebook -> 0,99 €


Sinossi

Mario è un quarantenne in piena crisi. A Roma, vive una vita agiata; è dirigente di una multinazionale, è circondato di donne e di amici, ma si risveglia ogni mattina riscoprendosi attanagliato dalla solitudine. Per evadere da quella vita che gli sembrava sempre più stretta e asfissiante, si rifugia spesso nei suoi sogni. Una mattina come le altre, preso dalla solita routine, esce di casa per recarsi in ufficio e, mentre distrattamente attraversa la strada, viene investito. Passa tre giorni in rianimazione e, in uno stato di semicoscienza, elabora la sua strategia per cambiare vita. Dopo varie peripezie per sparire dalla circolazione senza lasciar traccia ai pochi familiari rimasti, riesce a prendere il primo volo per una destinazione lontana. Ma ben presto scoprirà che la libertà non è fuggire lontano dalla propria vita, ma affrontarla e viverla pienamente. La dura realtà e la delusione che cumulerà nelle sue numerose nuove esperienze, gli faranno scoprire che in fondo scappare, lungi dall’essere un atto di libertà, in vero, è solo il suo ulteriore gesto di codardia. Il romanzo alterna le diverse vicende di vita e i numerosi viaggi intorno al mondo, riccamente descritti, con alcune incursioni nel cuore di quest’uomo inquieto. È come se la storia si fermasse e, in slow motion, si entrasse nell’anima del protagonista, là, dove si forma la vera coscienza. Dopo insolite situazioni, il lettore si troverà di fronte ad un finale del tutto inaspettato. Uno dei pensieri del protagonista: IL CONFORTO Il conforto è qualcosa che non è facile ricevere al momento giusto. Ci sono tanti momenti della nostra vita in cui vorremmo essere consolati. Quante volte siamo stati a piangere da soli, nascosti in silenzio, per non farci sentire e vedere da nessuno. L’orgoglio di far vedere che siamo deboli e fragili prende sempre il sopravvento. Nella mia vita ho sempre fatto vedere agli altri che ero sempre felice e pronto a combattere una nuova battaglia. Ma più delle volte, con quel sorriso, mascheravo solo e soltanto un pianto. Piangere era un lusso che non mi permettevo. Dovevo essere sempre il più forte di tutti, pronto a consolare tutti, quando qualcuno aveva un problema. Ricordo quando morì mamma, non piansi e nemmeno la vidi. Facevo finta che non fosse mai successo nulla. Tutti mi chiedevano come facessi a stare così tranquillo. Era una tranquillità finta. Ma più giorni passavano e più mi andavo sgretolando. Volevo urlare la mia disperazione. Ma l’orgoglio non mi permetteva di farlo nemmeno quando ero solo. Avevo paura che qualcuno mi sentisse e mi vedesse disperato. Erano passati 4 mesi, non riuscivo più a dormire la notte. Una notte mi alzai dal letto, erano le 2.00. Presi la macchina, andai verso il mare. Era il mese di agosto. Arrivato in spiaggia, in lontananza vidi una macchina parcheggiata. Ero da solo. E come un matto inizia ad urlare e a piangere. Nessuno mi sentiva. Ero libero di far uscire tutta la disperazione che avevo nel cuore. Ero un codardo, mi ero ridotto in quel modo perché non avevo il coraggio di ammettere la mia fragilità. Ad un tratto mi sentii sfiorare la spalla. Non mi girai a vedere chi fosse, anche perché si vedeva pochissimo. Quella notte non c’era nemmeno la luna per illuminare il cielo. Rimasi in silenzio. Sentivo solo il mio battito del cuore, che dall’interno rimbombava nei miei orecchi e questa mano che piano piano cominciava a muoversi. In pochi secondi che sembrarono un’eternità, mentre sentivo solo i miei orecchi che pulsavano, venni abbracciato alle spalle. Non mi interessava chi fosse. Ma era quello di cui avevo bisogno. Essere abbracciato. Piansi e piansi. E questa persona piangeva con me. La consolazione è quel movimento lento, dove tu, con lo sguardo fisso nel vuoto, pensi che questo mondo non ti comprende. Ma all’improvviso, arriva qualcuno, che non hai sentito arrivare. Nel silenzio, vieni sfiorato con una mano…

Recensione

“La Mia Vita Capovolta” è un romanzo che trascina per un duplice viaggio: concreto da una parte, in quanto il protagonista narra alcune sue tappe esistenziali ambientate in luoghi differenti ed è in perenne movimento; astratto dall’altra, visto che con la sua voce ripercorre momenti fondamentali della vita dell’uomo, conducendo alla consapevolezza che per cambiare e cominciare tutto da capo non sia necessario rifugiarsi nel posto più remoto che viene in mente, ma affrontando se stessi si può dare una svolta alla routine indirizzandola verso un orizzonte più roseo.

Mario è un uomo solo. Certo, ha tutto ciò che che si presume possa dare la felicità: una casa ampia, una macchina meravigliosa e un lavoro soddisfacente, nonchè numerose donne con cui passare una serata. Ma è arrivato ad un punto in cui la solitudine si fa sentire con una certa pesantezza, e le sue priorità sembrano resettarsi: ha bisogno di iniziare da zero, recidendo tutti i legami che lo impigliano adesso e concedendosi una seconda scelta. Così sfrutta un incidente che lo manda fuori gioco per qualche giorno per risolvere i suoi dilemmi; in quello che mi è parso a prima vista un richiamo a “Il Fu Mattia Pascal”, egli si propone di divenire qualcun altro, dichiarando di aver perso la memoria. Da qui in poi si sviluppa un libro corposo e profondo, che dona la possibilità di effettuare una discreta analisi interiore e fornisce molti spunti di pensiero. La trama non si concentra tanto sulla visione avventurosa delle vicende che coinvolgeranno il protagonista, quanto guiderà più verso il lato psicologico ed il messaggio didascalico che l’autore ha voluto trasmettere, scrivendo queste pagine brillanti. La stesura è velocissima e non banale per un romanzo introspettivo; forse un po’ troppo sbrigativa, ma certo non lascia il tempo di annoiarsi e rende il volume semplice da sfogliare, permettendo di carpirne il significato pregnante.

Voto:3/5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.