Recensione “Clessidra” di Gianfranco Spinazzi

31t8djwhbcl-_sx351_bo1204203200_

Titolo: Clessidra

Autore: Gianfranco Spinazzi

Genere: Narrativa

Editore: Tragopano

Data pubblicazione: 1 Gennaio 2016

Voto: 4/5

Cartaceo -> 12€


Sinossi

Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti. Il primo è nato nel 1452, il secondo nel 1475. I due potevano essere padre e figlio. O piuttosto erano amanti? Come frenare l’immaginazione? Non c’è abisso che possa inghiottire il pensiero, non c’è nulla di esatto che a un certo punto non irrida l’esattezza. Chi ha dipinto realmente la Gioconda?

Recensione

Leonardo Da Vinci, Michelangelo Buonarroti, due geni. Lisa Gherardini, meglio conosciuta come monna Lisa ovvero colei che fu immortalata nella famosa Gioconda. Tre personaggi intriganti che vengono mescolati in un racconto originale dove essi costituiscono l’ordito e l’arte e l’ amore compongono la trama del tessuto.

L’autore rendendo i due artisti amanti fa una scelta audace ma azzeccata, i dialoghi tra i due sono un ottimo spunto di riflessione, Leonardo rappresenta l’arte razionale, Michelangelo l’arte che si ribella, e insieme dialogano riguardo il confine tra arte, amore e vita reale..

Non starò ad anticipare al lettore i dettagli riguardo alla storia per cui cercherò di essere il più generica possibile andando ad analizzare i punti/spunti d’interesse.

L’altra figura protagonista del romanzo è Lisa che commissiono’ la Gioconda, a mio parere è molto interessante il ruolo della ragazza perchè rappresenta esattamente il tramite tra l’arte e la vita quotidiana. Quando Lisa si presenta a commissionare il dipinto desidera essere immortalata prima della prigione che le tocca, costretta a sposare un uomo più vecchio ,si sente vecchia essa stessa con l’idea di questa prospettiva. Dopo tre incontri in cui la ragazza e l’artista si conoscono e dialogano molto,questi rimane così colpito dalla personalità della giovane che decide di rappresentarne il potenziale che vede e immortalarlo nello sguardo di una donna vittoriosa e sicura di sè. Il senso pesante del sentirsi “vecchia”(nonostante la giovane età di Lisa) viene trasformato in una caratteristica positiva e diventa una matura giovinezza (come la definiva Leonardo).

A tal proposito queste le parole della ragazza davanti all’opera compiuta: “una donna non vuole vincere ma solo libera di amare ed essere amata”

artista:”pensavo che lo sguardo e il sorriso rappresentassero questa libertà”

L.:”lo pensa l’arte. Tu sei un artista. Un grande artista.”

con uno di questi scambi Spinazzi riesce a segnare, grazie al personaggio di Lisa, un confine tra quello che è l’arte e la vita di tutti i giorni.

Libro scorrevole, arricchito di diversi spunti filosofici che spingono a soffermarsi a riflettere. Si legge molto velocemente e rimane nella mente anche successivamente alla fine della lettura proprio per i suoi caratteristici spunti e riflessioni . Consigliato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.