Recensione “Bagada Felix” di Martina Magni

41snq32bzqal-_sy346_

Titolo: Bagada Felix

Autore: Martina Magni

Editore: DarkZone

Genere: Narrativa contemporanea

Data pubblicazione: 1 Gennaio 2017

Voto: 4/5

Cartaceo -> 12,90 € | Ebook -> 2,99€


Sinossi

Felix ha una vita piuttosto noiosa, come tanti. E come tanti, talvolta è costretto a sognare cose orribili che preferirebbe dimenticare. Quando però scopre di poter entrare negli incubi di amici e conoscenti e assistere loro alle fantasie più perverse, grottesche e rivelatorie, allora la faccenda diventa molto, molto più complicata.

Recensione

Recensire questo libro per me è difficoltoso, quando comincio un romanzo del genere mi infervoro, c’entro praticamente in simbiosi e finché non lo termino, di solito in estasi per il finale inaspettato, non riesco a smettere di fantasticarci su. Per “Bagada Felix”, che tanto mi aveva elettrizzato all’inizio, purtroppo non è stato così; la conclusione, che se vogliamo possiamo considerare aperta e soggetta a innumerevoli speculazioni da parte della mia diabolica e fin troppo creativa mente, mi ha lasciato comunque l’amaro in bocca. Ma andiamo con ordine: Felix è un ragazzo come tanti, ha una bella fanciulla non molto sveglia ma avvenente al suo fianco, un gruppo di amici ben nutrito di soggetti incredibilmente verosimili e una vita abbastanza monotona da far ruzzolare avanti per inerzia. C’è da dire che non si risparmia certi vizietti non tanto approvabili dal mio punto di vista, ossia andare con prostitute e sniffare cocaina. Una notte, dal nulla, la sua esistenza subisce una virata inaspettata e violenta: é sbattuto nella testa della sua ragazza mentre sogna di avere uno sfrenato rapporto sessuale con lo zio, un tipo che lei considera fighissimo, mentre un vecchio professore guarda il tutto seduto in un angolo. Immaginate il suo shock nel constatare che é in grado di penetrare nei sogni, che alla fine si rivelano essere sempre incubi, delle persone che sono intorno a lui o che semplicemente esistono in ogni punto sperduto del pianeta. Ha pieno potere quando si trova nell’atmosfera buia dove si aprono squarci luminosi che lo conducono nelle visioni oniriche di qualcuno; può scegliere di quale persona assistere all’incubo, muoversi agilmente all’interno di quel mondo particolare e sgusciarne via quando vuole. L’unico problema é che ogni luogo che visita è teatro di orrori indicibili, abomini della psiche umana che riversa nel sonno ogni paura, ansia o incertezza. L’amico Danilo, studente fuori corso da una vita, continua a sognare l’apocalisse in ogni sua tremenda sfumatura; Phuong, la prostituta vietnamita con cui il ragazzo ama dilettarsi, é confinata in una cella e esposta al rischio di essere presa e fatta a pezzi da orchi senza volto che segano, martellano e inchiodano qualunque cosa. Un famoso attore di cui Felix ama le pellicole é tormentato da visioni in cui esseri giganteschi, nascosti dalle onde di un oceano sterminato, lo inghiottiscono in un sol boccone. La sua sanità mentale inizia a sgretolarsi davanti a tutto quell’orrore e il poveretto decide di privarsi del sonno per far cessare quei momenti angoscianti, che comunque gli permettono di fare anche qualche buona azione tipo aiutare l’amico segretamente omosessuale a prendere in mano la sua vita. Si sente mancare il suolo sotto i piedi quando si rende conto di poter uccidere i sognatori durante l’immersione nei loro pensieri, cosa che scopre dolorosamente durante l’incubo di Phuong. Da quel momento per lui crolla tutto e cade in una spirale di caffè e teina per non farsi ammaliare da Morfeo, non ne vuole sapere più niente di quel brutto affare e si rifiuta di dormire utilizzando ogni escamotage possibile. Ecco che la speranza si accende quando legge su internet di un vecchio indiano che non si assopisce da anni e decide di recarsi da lui per farsi rivelare i suoi segreti. In quel nuovo mondo Felix sembra trovare la pace e per qualche anno riesce a ritrovare la calma e riappropriarsi di se stesso, ma tutto ciò non dura quantp vorrebbe… Ok, non dico più nulla perché non voglio rivelarvi il finale. È indubbiamente una storia particolare e fantasiosa, nata da una mente creativa e in grado di immaginare cose paurosamente inquietanti e al contempo di fornire, con poche parole, l’identikit completo dei vari personaggi rendendoci spettatori delle loro emozioni e turbamenti. Comprendiamo subito il protagonista, dotato di un terribile potere associabile ad una maledizione, i suoi vari amici, dallo spigliato Sergio al viscido Paolino. Sono delineati con precisione degna di essere evidenziata, fatti agire in uno sfondo realistico che si affaccia sull’abisso del lato più oscuro dell’essere umano. Siamo trascinati in una voragine di pazzia che lambisce la vita di tutti i giorni di un giovane come tanti, proviamo le sue sensazioni, i timori e l’eccitazione e empatizziamo con lui, che mi ha suscitato una grande pena e tenerezza. Purtroppo la chiusura del romanzo mi ha deluso… in un climax ascendente di episodi perturbanti e in grado di rapire letteralmente l’attenzione le pagine sono andate perdendo di mordente, presentando un finale positivo che bene o male poteva reggere per poi passare bruscamente alla giuliva attività di distruggerci emotivamente, tra deliri di onnipotenza in un certo senso legittimi del nostro caro Felix. Se il termine del romanzo fosse stato differente mi sarebbe sicuramente piaciuto di più, mi é parso un po’ tirato via e concluso in modo frettoloso, che non si meritava decisamente un’avventura così esaltante e contorta. Per le introspezioni e l’idea trattata in modo originale e particolare questo racconto ha lasciato un segno in me, ma lo ha fatto anche per il finale triste e insapore. Spero vivamente in un seguito, uno spin-off, qualunque cosa che mi faccia sapere di più! Se amate l’horror e le turbe psicologiche comunque, Bagada Felix fa senz’altro per voi.

Voto:4 /5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.