Recensione de “Il Seggio Vacante” di J. K. Rowling

51nqziytbjl-_sx324_bo1204203200_

Titolo: Il seggio vacante

Autore: J. K. Rowlink

Editore: Salani

Genere: Giallo

Data pubblicazione: 19 Novembre 2015

Voto: 5/5

Cartaceo -> 16,51€ | Ebook -> 9,99€


Sinossi

A chi la visitasse per la prima volta, Pagford apparirebbe come un’idilliaca cittadina inglese. Un gioiello incastonato tra verdi colline, con un’antica abbazia, una piazza lastricata di ciottoli, case eleganti e prati ordinatamente falciati. Ma sotto lo smalto perfetto di questo villaggio di provincia si nascondono ipocrisia, rancori e tradimenti. Tutti a Pagford, dietro le tende ben tirate delle loro case, sembrano aver intrapreso una guerra personale e universale: figli contro genitori, mogli contro mariti, benestanti contro emarginati. La morte di Barry Fairbrother, il consigliere più amato e odiato della città, porta alla luce il vero cuore di Pagford e dei suoi abitanti: la lotta per il suo posto all’interno dell’amministrazione locale è un terremoto che sbriciola le fondamenta, che rimescola divisioni e alleanze. Eppure, dalla crisi totale, dalla distruzione di certezze e valori, ecco emergere una verità spiazzante, ironica, purificatrice: che la vita è imprevedibile e spietata, e affrontarla con coraggio è l’unico modo per non farsi travolgere, oltre che dalle sue tragedie, anche dal ridicolo. J.K. Rowling firma un romanzo sulla società contemporanea, una commedia sulla nozione di impegno e responsabilità. In questo libro di conflitti generazionali e riscatti le trame si intrecciano e i personaggi rimangono impressi come un marchio a fuoco. Pagford, con tutte le sue contraddizioni e le sue bassezze, è una realtà così vicina da non lasciare indifferenti.

Recensione

Il romanzo, raccontato in terza persona, permette al lettore di entrare subito nell’atmosfera di Pagford, cittadina inglese, e di vivere l’atmosfera che si respira dopo la morte di Barry Fairbroher, consigliere comunale.

Fin da subito il lettore riesce a sentirsi coinvolto nelle vicende che vedono protagonisti gli abitanti di questa cittadina di periferia e che mette in luce il meglio ed il peggio dei singoli cittadini e in queste vicende si possono trovare, in un certo senso, tutti i piccoli paesi del mondo, con le loro ipocrisie, i loro silenzi, i loro falsi sorrisi e l’accettazione di coloro che sanno omologarsi alla maggioranza escludendo gli altri che, per coraggio, per scelte o semplicemente per la volontà di essere se stessi sono considerati diversi.

I numerosi protagonisti del romanzo hanno uno o più scheletri nell’armadio e questo porta loro a volerli nascondere in seguito alla candidatura per l’elezione del sucessore di Fairbrother facendo emergere il peggio di loro perchè condannati all’ipocrisia tipica dei piccoli centri.

L’unico personaggio che decide di vivere liberamente la sua vita è Patricia, sorella di Miles Mollison, uno dei candidati, ma per fare ciò è costretta ad andare lontano perchè la sua esistenza non è proprio uguale a quella degli altri abitanti del piccolo paese.

Consiglio questo libro perchè permette al lettore di vivere un’esperienza interessante in una piccola città e tutti coloro che leggeranno questo libro e abitano in un piccolo centro riconosceranno sicuramente uno spaccato del luogo in cui vivono leggendo le vite degli abitanti di Pagford e la scrittrice, J.K. Rowling, dopo il successo di Harry Potter ha saputo dimostrare di scrivere altro oltre alle avventure del maghetto senza cadere nel banale.

Voto : 5/5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.