La Bella e la Bestia #Film [2017]

la-bella-e-la-bestia-scheda-1

La celebre fiaba La Bella e la Bestia torna sul grande schermo in una nuova rivisitazione live-action dell’indimenticabile classico d’animazione Disney del 1991. Villeneuve è un paesino immerso nella provincia francese, dove la vita scorre lenta e monotona. Belle, figlia di Maurice, un eccentrico artista locale, sogna per sé una vita diversa e conta i giorni che la separano da una fantomatica avventura. Un giorno, dopo essere stato attaccato da un branco di lupi sulla strada del mercato, Maurice trova rifugio in un castello in rovina, non sapendo che quel luogo oscuro e misterioso è in realtà la dimora di una temibile Bestia. Il padrone del castello, su tutte le furie per l’intrusione, rinchiude il malcapitato in una torre gelida e Belle, preoccupata, si mette alla sua ricerca. L’unico modo per liberare il padre è prendere il suo posto: la ragazza finisce ospite forzato di quel luogo maledetto, dove gli abitanti hanno le sembianze di oggetti d’arredo parlanti e il loro padrone è un mostro sgarbato e senza cuore. Ma lei, che è di temperamento forte e coraggioso, non si piega agli ordini che le vengono impartiti e non perde occasione per farsi valere. Solo dopo una disavventura nei boschi e un salvataggio tempestivo, la diffidenza iniziale si dissolve e Belle scorge, sotto la spessa pelliccia e l’aspetto animale, il lato più gentile e generoso della Bestia, scopre di condividere con lui la passione per i libri e fra i due nasce una tenera amicizia. Il candelabro Lumière, l’orologio Tockins, la teiera mrs Brick e tutti gli altri, cominciano a sperare che Belle sia davvero quella giusta, la ragazza che con la forza del suo amore potrà spezzare l’incantesimo.

  • DATA USCITA: 16 marzo 2017
  • GENERE: Fantasy, Sentimentale
  • ANNO: 2017
  • REGIA: Bill Condon
  • ATTORI: Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Emma Thompson, Kevin Kline, Josh Gad, Ewan McGregor, Ian McKellen, Audra McDonald, Stanley Tucci, Gugu Mbatha-Raw, Hattie Morahan, Adrian Schiller, Nathan Mack, Henry Garrett
  • SCENEGGIATURA: Stephen Chbosky, Evan Spiliotopoulos
  • FOTOGRAFIA: Tobias A. Schliessler
  • MONTAGGIO: Virginia Katz
  • MUSICHE: Alan Menken
  • PRODUZIONE: Mandeville Films, Walt Disney Pictures
  • DISTRIBUZIONE: Walt Disney Pictures
  • PAESE: USA
  • DURATA: 123 Min
  • FORMATO: 2D e 3D

Compra in formato DVD o Blu-ray .

Libro disponibile su Amazon

Voto 5/5

btb_triptych_banner__1_

CURIOSITÀ:

In tema di emancipazione femminile, ogni reparto addetto al design del film è stato guidato da una donna.
Il paesino immaginario di Villeneuve, dove vivono Belle e suo padre, è un omaggio all’autrice della fiaba originale Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve.
I lampadari di vetro del set sono ispirati a quelli di Versailles.
La biblioteca del castello comprende centinaia di libri creati appositamente per il film.
Nel film Belle indossa stivali, invece che scarpette, per avere un’aria da cavallerizza.
In alcune scene Dan Stevens ha recitato indossando dei trampoli, una tuta prostetica con muscoli finti e una calzamaglia grigia per la performance capture.
I carillon creati da Maurice sono ispirati ai lavori dell’orefice Johann Melchior Dinglinger e raffigurano diverse città e Paesi di tutto il mondo.

beauty-and-the-beast-post-9-kt1e-896x504gazzetta-web

L’ambientazione della storia e il costume di Belle:
Il lungometraggio animato del 1991 si apriva su una radura incantata, con tutto un sipario di tronchi e rami d’edera che si scostava per rivelare il castello in lontananza, incastonato da qualche parte tra le montagne, non lontano da un paesino senza nome, in un punto non meglio definito della Francia. E tutti gli avvenimenti della storia accadevano in un’epoca imprecisata, ma sicuramente molto molto tempo fa. Il regista del live action Bill Condon, non solo si è preso carico di dare un volto reale ai personaggi della fiaba animata, ma ha anche tentato di dare una collocazione storica e geografica alla narrazione. La scelta più logica è ricaduta sulla data di pubblicazione del racconto originale: siamo nel XVIII secolo e la cittadina di fantasia ispirata al villagio di Conque nel sud della Francia, dove vivono Belle e suo padre, prende il nome dall’autrice Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve, che per prima immaginò l’amore fantastico tra una giovane donna e una bestia mostruosa. Nel riproporre le atmosfere frou-frou della Francia settecentesca, la costume designer vincitrice dell’Oscar Jacqueline Durran ha messo insieme un team di ricamatori, cappellai, gioiellieri, pittori e artisti tessili, in una prodigiosa staffetta di stoffe e accessori durata meno di tre mesi, in cui sono state confezionate gonne fluenti cariche di pizzi e parrucche architettoniche con cascate di boccoli, a metà tra il lusso di Versailles e il mondo descritto nel cartoon anni 90. Il vestito blu della protagonista è stato riempito di tasche dove mettere libri e ai piedi, al posto delle scarpette da danzatrice, Belle calza grossi stivali per cavalcare comodamente.
Ma la sfida più grande, ha ammesso la Durran, è stata creare il vestito giallo che Belle indossa nella sala da ballo gialla, sotto l’enorme lampadario di cristalli gialli. L’abito, realizzato con oltre 50 metri di stoffa, è il risultato di una sovrapposizione di strati di organza decorati con preziosi cristalli swarovski, nel film cosparsi sulla seta da Madame Guardaroba. È un abito senza corsetto né crinolina, per permettere a Emma Watson di muoversi liberamente come nessun altra principessa prima di lei. [Fonte comingsoon.it]

emma-watson-in-la-bella-e-la-bestia

Altre curiosità sul film e sui suoi protagonisti:

  • Il film mostra al pubblico il temperamento arrogante del Principe prima che diventi la Bestia e approfondisce la vita di Belle prima del suo arrivo al castello.
  • Josh Gad, che veste i panni di Le Tont, l’aiutante di Gaston, è noto ai fan della Disney per aver prestato la voce a Olaf nella versione originale del film d’animazione Frozen – il Regno di Ghiaccio.
  • Luke Evans, perfetto nel ruolo dell’egocentrico Gaston, è anche un cantante affermato, avendo preso parte a numerosi musical teatrali nel West End di Londra.
  • Per immergersi nel personaggio, Kevin Kline ha approfondito la musica e la mitologia di ogni carillon creato da Maurice.
  • Ian McKellen, che interpreta il maggiordomo Tockins, è un fan di La Bella e la Bestia di Jean Cocteau, che ricorda come uno dei primi film che lui abbia mai visto.
  • Le riprese principali del film si sono svolte presso gli Shepperton Studios di Londra e poi in diverse location sparse per il Regno Unito.
  • Il castello del Principe/Bestia è una combinazione di vari stili architettonici, anche se gli scenografi si sono ispirati principalmente al Rococò francese utilizzato nella prima metà del 1700. L’ala ovest, invece, rispecchia il Barocco Italiano, che ha un aspetto più sinistro e oscuro
  • Il pavimento della sala da ballo è stato realizzato con 1114 m² di finto marmo e il suo design è ispirato a un motivo presente sul soffitto dell’abbazia benedettina di Braunau, in Germania.
  • Nell’intento di creare una Bestia fotorealistica, mantenendo l’espressività interpretativa di Dan Stevens, è stata utilizzata una combinazione di performance capture e MOVA facial capture. Stevens ha inoltre svolto delle sessioni di facial capture in uno studio separato

Trailer

Citazioni

C’era una volta, nel cuore segreto della Francia, un Principe giovane e bello che viveva in un castello splendido. Sebbene avesse tutto ciò che si può desiderare, il Principe era egoista e villano. Egli tassava il villaggio per avere nel suo castello le cose più belle e alle sue feste le persone più belle. Poi una sera all’improvviso, giunse al castello una sconosciuta, in cerca di riparo da un violento temporale, e in dono offrì al Principe un’unica rosa. Disgustato dall’aspetto miserabile della donna, il Principe la cacciò via, ma ella lo avvertì di non lasciarsi ingannare dalle apparenze, poichè la bellezza è nel cuore. Al nuovo rifiuto del Principe, l’aspetto estetiore della vecchia svanì, e apparve una bellissima Maga. Il Principe la supplicò di perdonarlo, ma era troppo tardi, poichè ella aveva visto che non c’era amore nel suo cuore. Per punirlo o trasformò in una Bestia orribile e lanciò un potente incantesimo sul Castello e su coloro che lo abitavano. I giorni divennero anni, il Principe e i suoi servitori vennero dimenticati dal mondo, poichè la Maga aveva cancellato il ricordo di loro dalla memoria delle persone amate. Ma la rossa che gli aveva offerto era davero una rosa incantata. Se egli avesse imparato ad amare e fosse riuscito a farsi amare prima che l’ultimo petalo fosse caduto, l’incantesimo si sarebbe spezzato, altrimenti sarebbe stato condannato a rimanere una Bestia per sempre. Con gli anni egli caddè in preda alla disperazione e perse ogni speranza, perchè chi ma poteva amare una Bestia.

la-bella-e-la-bestia-final-trailer-copertina

Nono si può giudicare una persona dal proprio padre.

Un orologio rotto ha ragione due volte al giorno.

Il vero amore trionfa sempre.

Colonna Sonora Originale

In Vendita in Mp3 e CD Audio

71wkmv3aesl-_sl1200_

Tale as old as time
True as it can be
Barely even friends
Then somebody bends
Unexpectedly

Just a little change
Small to say the least
Both a little scared
Neither one prepared
Beauty and the Beast

Ever just the same
Ever a surprise
Ever as before and
Ever just as sure
As the sun will rise

Ever just the same
Ever a surprise
Ever as before and
Ever just as sure
As the sun will rise

Tale as old as time
Tune as old as song
Bittersweet and strange
Finding you can change
Learning you were wrong

Certain as the sun (certain as the sun)
Rising in the east
Tale as old as time
Song as old as rhyme
Beauty and the Beast

Tale as old as time
Song as old as rhyme
Beauty and the beast

I was the one who had it all
I was the master of my fate
I never needed anybody in my life
I learned the truth too late
I’ll never shake away the pain
I close my eyes but she’s still there
I let her steal into my melancholy heart
It’s more than I can bearNow I know she’ll never leave me
Even as she runs away
She will still torment me
Calm me, hurt me
Move me, come what may
Wasting in my lonely tower
Waiting by an open door
I’ll fool myself, she’ll walk right in
And be with me for evermoreI rage against the trials of love
I curse the fading of the light
Though she’s already flown so far beyond my reach
She’s never out of sightNow I know she’ll never leave me
Even as she fades from view
She will still inspire me
Be a part of everything I do
Wasting in my lonely tower
Waiting by an open door
I’ll fool myself, she’ll walk right in
And as the long, long nights begin
I’ll think of all that might have been
Waiting here for evermore

How does a moment last forever?
How can a story never die?
It is love we must hold onto
Never easy, but we try
Sometimes our happiness is captured
Somehow, our time and place stand still
Love lives on inside our hearts and always will

Minutes turn to hours, days to years and gone
Thus, when all else has been forgotten
Still our song lives on

How does a moment last forever?
How does our happiness endure?
Through the darkest of our troubles
Love is beauty, love is pure
Love pays no mind to desolation
It flows like a river through the soul
Protects, covers, and perseveres
And makes us whole

Minutes turn to hours, days to years and gone
But when all else has been forgotten
Still our song lives on
That’s how a moment lasts forever:
When our song lives on

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...