Recensione “Widows: eredità criminale” di Lynda La Plante

514Dh7yTvfL

Titolo: Widows: eredità criminale

Autore: Lynda La Plante

Editore: Garzanti

Genere: Thriller

Data pubblicazione: 18 Ottobre 2018

Voto: 4-/5

Cartaceo -> 18,90€ |Ebook -> 10,99€


Sinossi

Hanno affrontato la vita da sole. Ma quando si tratta di abbracciare il crimine, scelgono di farlo insieme.

Per Dolly essere la moglie del noto criminale Harry Rawlins non è mai stato un problema. Negli anni, si è tenuta alla larga dagli affari del marito, ottenendo in cambio tutte le attenzioni che ha sempre desiderato. Ma l’ultima impresa di Harry finisce in tragedia e, con la sua morte, Dolly si ritrova sola di fronte a un destino ogni giorno più incerto. Finché non riceve un biglietto anonimo con precise istruzioni: deve presentarsi in banca sotto falso nome e accedere a una cassetta di sicurezza. Qui, oltre a dei contanti e a una pistola, trova il taccuino di Harry sul quale il marito ha annotato i nomi delle persone con cui ha avuto a che fare e le rapine che ha organizzato, compresa l’ultima. Dolly interpreta questo ritrovamento come un segno. Sta a lei portare a termine ciò che Harry ha iniziato. Lo deve a sé stessa. E, soprattutto, lo deve a suo marito, di cui vuole «onorare» la memoria. Ma non può farcela da sola. Ha bisogno del sostegno di chi, come lei, sa cosa vuol dire vivere al fianco di un criminale con tutti i rischi che comporta. È così che Dolly si rivolge alle uniche persone che è certa non si tireranno indietro: le vedove dei complici di Harry e la scaltra Bella, che si conquista fin da subito la sua stima. Solo unendo le forze e fidandosi l’una dell’altra, le quattro donne riusciranno a farsi strada in un mondo che non fa sconti e premia chi è disposto a mettere a repentaglio la propria vita per ottenere ciò che vuole. Loro sono pronte a tutto e non hanno la minima intenzione di tirarsi indietro. Nemmeno quando le cose non vanno secondo i piani.

Recensione

Eccoci qui, ho rimandato la stesura della recensione per così tanto tempo, non mi sentivo mai pronta, ma ormai è inutile indugiare, per cui iniziamo!

Ho approcciato la lettura di questo romanzo con molte aspettative e inizialmente ero partita a leggerlo molto velocemente, tantè che mi ero ritrovata a terminare un centinaio di pagine in pochissimi giorni, purtroppo poi ad un certo punto la mia voglia di saperne di più è andata scemando e mi sono ritrovata a costringermi a continuarne la lettura. Il perchè? Non lo saprei descrivere, posso solo dirvi che nonostante tutto il finale lascia senza fiato e tiene il lettore in suspance fino all’ultimo.

Torniamo alla storia, quattro donne, di cui 3 vedove….o forse solo 2? Stop!!!! Stavo per spoilerare per cui mi fermo. Aggiungo solo che nulla è come sembra e forse ciò che è sembrato fin dall’inizio è stato il frutto di un grande magheggio organizzato in maniera impeccabile. Purtroppo o per fortuna per noi lettori, la furbizia delle protagoniste è inimmaginabile e i colpi di scena saranno tali non soltanto per noi.

Le 4 donne organizzato la rapina della vita, nonostante in realtà non abbiamo mai fatto nulla del genere fino al quel momento, finendo per riuscirci benissimo. La preparazione è spiegata nei minimi dettagli e ammetto mi abbia un pochino annoiata a tratti, ma capisco che per chi è appassionato del genere poliziesco, siano dettagli da non sottovalutare. Ciò che invece mi ha un pochino portata fuori strada nel flusso narrativo, sono i continui personaggi maschili che comparivano e scompariano con continui andirivieni che ogni volta mi portavano una grande confusione in testa, non facendomi capire fino in fondo di chi stessi leggendo in quel momento.

Lettura bella, ricca ed interessante, con un finale sospeso che lascia ben sperare in un seguito. Donne artefici del loro destino che sapranno farla agli uomini che le hanno soggiogate per tutta la vita, prendendole in giro e sfruttandole a loro piacimento. Ho molto apprezzato fossero loro le protagoniste e ammetto che ne leggeri il seguito solo per la loro presenza.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.