Intervista al Soprano Marta Mari: “Daniela Dessì è stata una grande guida per me”

_MG_9316
Salve Marta, iniziamo col ringraziarla per questa intervista. Ci piacerebbe cominciare, leggendo come la musica è arrivata nella sua vita e come poi si è approcciata all’opera. Inoltre quando ha deciso che avrebbe voluto farne un lavoro?

La musica è sempre stata molto vicina a me, mia mamma quando ero piccola mi faceva ascoltare diversi brani, di ogni genere di musica e mi ha sempre raccontato che fin da piccolissima ero attratta dal pianoforte. Quando facevo le scuole medie sono entrata a far parte del coro della scuola e da lì la passione è cresciuta, inizialmente studiando pianoforte inseguito entrando in conservatorio.

La decisione di farne un lavoro è nata da se verso gli ultimi anni di conservatorio, finite le superiori invece di iscrivermi al corso di Restauro decisi di continuare solo con il canto.


Lei ha fatto parte di EOS “Ensemble opera studio” al Teatro Carlo Felice di Genova, ci può parlare di questa opportunità? Cosa consiglierebbe ai giovani che vorrebbero approcciarsi ad una tale esperienza?

Ho partecipato a EOS cinque anni fa ed è stata la mia prima esperienza in teatro, ho potuto lavorare con grandi artisti e visto che ero alle “ prime armi” ho cercato il più possibile di imparare e osservare il modo di cantare, di recitare dei miei colleghi. A chi si approccia a questa esperienza consiglio di avere coraggio di farsi sentire, di farsi ascoltare e consigliare e di prendere il buono da ogni collega.


Lei è molto giovane ma nonostante ciò ha all’attivo diversi ruoli e debutti sia in Italia che all’estero e ha da poco debuttato al prestigioso Teatro La Fenice di Venezia, nella Semiramide di Rossini, con un cast di tutto rilievo. Può raccontarci qualche aneddoto? Inoltre che emozione ha provato a calcare un tale palcoscenico?

Debuttare al Teatro La Fenice è stato molto emozionante, è un Teatro meraviglioso e si canta davvero bene, il cast era fantastico e mi sono sentita molto fortunata a cantare con grandi artisti come Jessica Pratt, Alex Esposito ma allo stesso tempo grata di poter condividere con loro anche il mio piccolo bagaglio artistico.


Nel 2016 ha vinto il Concorso Internazionale “Spiris Argiris” di Sarzana e pochi giorni fa ha ricevuto la Distinzione “Onore e Merito” dell’Unione Cavalieri d’Italia ed è finita nel libro d’Oro degli Insigniti. Cosa prova nell’ottenere tali vittorie e riconoscimenti? Dopo tanti sacrifici e studio devono essere grandi soddisfazioni per lei.

Ricevere la Distinzione “Onore e Merito” è stata una soddisfazione immensa fin dal primo anno di conservatorio ho sempre studiato molto per migliorarmi sempre più, ho seguito tante masterclass ed investito molte energie per raggiungere sempre più alti livelli, vedere che l’impegno viene ripagato dà una grande carica di energia e grande felicità!


Sua Maestra prima della prematura scomparsa, è stata Daniela Dessì. Ho avuto il piacere di assistere alla Madame Butterfly in cui avete condiviso il palco del Teatro Carlo Felice di Genova. Cosa provava nel condividere il palco con la sua Maestra? Cosa la Signora Dessì le ha regalato umanamente oltre che tecnicamente? Ha un ricordo che si sentirebbe di condividere con noi?

Madama Butterfly a Genova è stata la primissima opera fatta in teatro, poter cantare, seppur una piccola parte vicino ad una grande artista che per di più stimavo molto è stata una bellissima emozione ed esperienza,quasi magica per me..

Daniela Dessì è stata una grande guida per me, ha rivoluzionato il mio modo di cantare e mi ha insegnato a cantare con assoluta morbidezza e a migliorarmi sempre più anche quando l’obbiettivo era raggiunto, mi ha insegnato che bisogna cantare con intelligenza e che i No sono molto più importanti dei Si.

Un ricordo che porto nel cuore è alla fine di una lezione in una masterclass dove avevo finito di cantare “Pace mio Dio“, si avvicina e mi dice mi somigli tanto, ricordo il mio cuore impazzire dalla gioia!


Lei oltre ad essere un Soprano professionista è una giovane moglie e madre. Come riesce a bilanciare i tre ruoli e come riesce a gestire il distacco dalla sua famiglia e in particolare da sua figlia? Si sá infatti, che una delle preoccupazioni che spesso hanno le cantanti agli esordi è proprio questa “come farò quando avrò una famigiia a gestire le continue trasferte?”.

Sono una mamma di una bellissima bimba di 3 anni, fino ad ora sono riuscita a bilanciare bene lavoro e casa grazie all’aiuto di mio marito e dei nonni, quando era piccolina la portavo via con me, ora, anche in base ai giorni che sto via, non sempre riesco a portarla con me quindi se sta a casa faccio in modo, grazie a suo papà e i nonni di non farle sentire la mia mancanza ma di farla sentire coccolata e amata, ed io appena posso durante le mie trasferte cerco sempre di farle qualche sorpresa e di venire a trovarla appena ho il giorno di riposo in teatro. Poi per fortuna con la tecnologia quando sono via facciamo tante videochiamate😉.


Quali ruoli sente più affini alla sua vocalitá? Con quale ruolo sente che potrá esprimersi al meglio in un prossimo futuro? Quale invece è stata una piacevole scoperta?

Come ruoli ne ho diversi, quello che sentivo vicino a me era inizialmente Mimì da La Bohème di Giacomo Puccini così come Liù da Turandot, poi lo scorso anno ho debuttato Suor Angelica e ho trovato di sentirla molto vicina così come piacevole scoperta è stata Leonora ne Il Trovatore studiando il ruolo, anche se non ho ancora avuto la fortuna di debuttarlo. In futuro sogno di poter debuttare Desdemona da Otello di Verdi, chissà magari presto!


Dove potremmo sentirla nei prossimi mesi? Può farci qualche anticipazione?

Prossimamente sarò Mimì ne La Bohème a Napoli e Donna Elvira nel Don Giovanni a Varese.


Ringraziandola per l’intervista, ci farebbe piacere sapere quali sono le sue speranze di carriera per i prossimi anni e se lo ha, quale sogno nel cassetto spera di poter esaudire per primo?

Ho tante speranze per la mia carriera in primis riuscire a cantare nei più grandi teatri del mondo il mio sogno è di cantare al Met di New York, speriamo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.