Recensione “Una dinastia al potere” I Medici Vol.1 di Matteo Strukul

51ldci1stvl-_sx328_bo1204203200_

Oggi vi propongo la recensione de “I Medici. Una dinastia al potere”, romanzo storico vincitore del premio bancarella 2017.

Titolo: I Medici. Una dinastia al potere

Serie: I Medici

Autore: Matteo Strukul

Genere: Romanzo Storico

Editore: Newton Compton Editori

Data pubblicazione: 13 ottobre 2016

Voto: 5/5

Cartaceo -> 9,90€ | Ebook -> 3,99€


L’autore:

Matteo Strukul è nato a Padova nel 1973. Laureato in giurisprudenza e dottore di ricerca in diritto europeo, ha pubblicato diversi romanzi (La giostra dei fiori spezzati, La ballata di Mila, Regina nera, Cucciolo d’uomo, I Cavalieri del Nord, Il sangue dei baroni). Le sue opere sono in corso di pubblicazione in dieci lingue e opzionate per il cinema. Nel 2016 ha pubblicaro con la Newton Compton il primo romanzo della saga sui Medici, Una dinastia al potere, vincitore del Premio Bancarella 2017. Sono seguiti Un uomo al potere, Una regina al potere e Decadenza di una famiglia. La serie è in corso di pubblicazione in Inghilterra, Germania, Olanda, Spagna, Turchia, Repubblica Ceca, Grecia, Serbia, Slovenia e Corea del Sud. Matteo Strukul scrive per le pagine culturali del <Venerdì di Repubblica> e vive insieme a sua moglie Silvia fra Padova, Berlino e Transilvania. Il suo sito internet è matteostrukul.com

Sinossi:

Firenze, 1429. Alla morte del patriarca Giovanni de’ Medici, i figli Cosimo e Lorenzo si trovano a capo di un autentico impero finanziario, ma, al tempo stesso, accerchiati da nemici giurati come Rinaldo degli Albizzi e Palla Strozzi, esponenti delle più potenti famiglie fiorentine. In modo intelligente e spregiudicato i due fratelli conquistano il potere politico, bilanciando uno spietato senso degli affari con l’amore per l’arte e la cultura. Mentre i lavori per la realizzazione della cupola di Santa Maria del Fiore procedono sotto la direzione di Filippo Brunelleschi, gli avversari di sempre continuano a tessere le loro trame. Fra loro c’è anche una donna d’infinita bellezza, ma dal fascino maledetto, capace di ghermire il cuore di un uomo. Nell’arco di quattro anni, dopo essere sfuggito a una serie di cospirazioni, alla peste e alla guerra contro Lucca, Cosimo finirà in prigione, rischiando la condanna a morte. Fra omicidi, tradimenti e giochi di palazzo, questo romanzo narra la saga della famiglia più potente del Rinascimento, l’inizio della sua ascesa alla Signoria fiorentina, in una ridda di intrighi e colpi di scena che vedono come protagonisti capitani di ventura senza scrupoli, fatali avvelenatrici, mercenari svizzeri sanguinari…

Recensione:

Il primo romanzo di questa saga ci racconta la vita di Cosimo e Lorenzo, che dopo la morte del padre, Giovanni de Medici, prendono la guida di una delle piĂą potenti famiglie del Rinascimento Italiano.

I due fratelli si troveranno ad affrontare i nemici che tramano contro di loro, primo tra tutti Rinaldo Albizzi, e saranno ostacolati da alcune delle piĂą potenti famiglie fiorentine di quel tempo. Sullo sfondo delle vicende della famiglia Medici c’è la Firenze del 1400, una Firenze che sarĂ  devastata dalla peste, con una situazione politica incerta a causa delle varie alleanze nelle guerre tra le cittĂ .

L’autore riesce a creare un perfetto equilibrio tra i fatti storici e quelli nati dalla sua fantasia, questi ultimi sono ben distinguibili e non danneggiano la storicitĂ  dell’opera ma allo stesso tempo rendono i fatti narrati avvincenti e maggiormente interessanti.

All’inizio del romanzo ci viene descritta la costruzione della cupola di Santa Maria del Fiore, ad opera di Filippo Brunelleschi, a dimostrazione dell’importanza di mecenati come Cosimo e la sua famiglia nello sviluppo culturale e artistico della Firenze del Rinascimento.

Ho molto apprezzato lo stile di scrittura di Strukul, leggendo questo romanzo si può ben immaginare l’immenso lavoro di ricerca alla base di questa trilogia. L’autore attraverso le righe ci catapulta nella Firenze di quel periodo, facendo molta attenzione nel descriverne le vie, i monumenti e i costumi degli uomini di quel tempo.

Nell’ultima parte del romanzo viene presentata la figura di Lorenzo, che sarĂ  poi chiamato il Magnifico, protagonista del secondo libro di questa saga familiare.

Un’ultima cosa da dire è che il romanzo di Strukul è ben distante da quello che è stato il film andato in onda su Rai 1. Nel libro l’attinenza storica è maggiormente rispettata, a differenza del film dove le parti romanzate sono maggiori.

Questo libro mi ha molto appassionata, ho giĂ  iniziato la lettura del secondo volume che spero presto di potervi recensire.

Il mio voto è dunque 5/5.

Alla prossima recensione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.