Recensione “I segreti di Westhill House” di Jess Ryder

Un grande thriller
Autrice del bestseller La ex moglie

Quando ho posato per la prima volta gli occhi su Westhill House, collocata in quella posizione mozzafiato a strapiombo sul mare, ho capito che io e jack avremmo potuto vivere lì per sempre. Ero certa che con un po’ d’impegno sarei riuscita a riportarla all’antico splendore. E ristrutturando la casa avrei potuto aggiustare anche le cose tra me e Jack. Lui, però, è troppo preso dal suo lavoro… Se non fosse per Lori sarei già crollata. È venuta qui in cerca d’aiuto e di un posto sicuro in cui rifugiarsi, ma adesso sono io ad avere bisogno di lei. Mi dà una mano e mi tiene compagnia e insieme, poco alla volta, stiamo scoprendo i segreti di Westhill House. Come i disegni infantili coperti dalla carta da parati o gli appunti nascosti sotto le assi del pavimento. Ho il sospetto che Lori sappia molto più di quello che dice… La domanda è: perché?
Un thriller in vetta alle classifiche
Era la casa dei suoi sogni 
Finché questi non si sono trasformati in incubi


Hanno scritto di La ex moglie:


«Nel mare magnum dei thriller, bisogna pescare bene. Ecco un romanzo da leggere, arrivato in vetta alle classifiche.»
Il Venerdì di Repubblica


«Cupo ed enigmatico, tiene con il fiato sospeso fino al finale, che lascia a bocca aperta.»

Titolo: I segreti di Westhill House
Autore: Jess Ryder
Genere: Thriller
Editore: Newton Compton Editori
Data pubblicazione: 16 Gennaio 2020
Voto: 3/5

Cartaceo -> 9,90€ | Ebook ->3,99€

L’autrice:

Jess Ryder ha lavorato per anni come sceneggiatrice e la sua passione è guardare serie TV poliziesche. Ha pubblicato numerosi libri di successo, molti dei quali per bambini e adolescenti, ma la sua vera passione sono i thriller. La Newton Compton ha pubblicato La ex moglie e I segreti di Westhill House.

Recensione:

Negli ultimi mesi ho sviluppato un notevole interesse per i Thriller, un genere a cui mi sono avvicinata solo da poco, ma che mi ha già dato molte letture entusiasmanti. Così quando lo scorso Gennaio è uscito il nuovo libro di Jess Ryder non ho potuto non leggerlo. Se però ve ne sto parlando solo adesso è perché il mio giudizio su questo thriller era molto confuso.

Una delle cose che ho più apprezzato di questo libro è sicuramente la scelta dell’autrice di trattare il tema, delicato quanto attuale, della violenza domestica. Jess Ryder vi ha costruito intorno le storie dei suoi personaggi, raccontandoci una tragica realtà che deve però servirci per riflettere.

Come spesso accade per questo genere, la struttura presenta due piani narrativi: passato e presente, a collegarli è l’imponente Westhill House. Westhill House è il simbolo della rinascita, un tempo era stato un rifugio per donne maltrattate, dove recarsi per sfuggire alla violenza e iniziare una nuova vita; ora è il punto a partire dal quale Stella ha deciso di ricominciare. Dopo la tragica morte dei genitori, Stella decide di utilizzare la sua eredità per lasciarsi il passato alle spalle e ricominciare insieme al fidanzato Jack. Nonostante Westhill House sia in decadenza, Stella sa che quella è la casa giusta per lei, ma ciò che non aveva previsto è che presto il passato della casa avrebbe bussato alla porta.

Prima che Westhill House diventi la casa sognata da Stella c’è ancora molto lavoro da fare. A Nevansey conoscono per puro caso Alan, un tuttofare che si offre di seguire i lavori, così la coppia decide di trasferirsi ed iniziate la ristrutturazione. Sin dai primi giorni a Westhill House la loro relazione viene messa a dura prova, ma a sconvolgerla ulteriormente sarà l’arrivo di Lori.

Lori si presenta a Westhill House nel cuore della notte, ferita e spaventata, con il corpo ricoperto di lividi e sangue. A Stella e Jack rivela di essere fuggita dal marito e di essere giunta lì convinta che la casa fosse ancora un rifugio. Jack è molto scettico riguardo la storia raccontata da Lori ma, nonostante i dubbi del compagno, Stella decide di accogliere la donna.

La narrazione torna indietro nel tempo e l’autrice ci presenta un nuovo personaggio, Kay. Anche lei vittima di violenza domestica, anche lei legata a Westhill House. Durante la lettura conosciamo meglio tutti i personaggi, le loro storie, le loro paure e i loro segreti. La grande casa vittoriana nasconde molti più segreti di quanto si possa pensare ma quello più grande ci sarà rivelato solo alla fine.

La lettura è scorrevole, ma la narrazione procede molto lentamente. Ciò che non ho apprezzato è che il vero Thriller viene alla luce solo nelle ultime pagine. La storia presenta una buona dose di mistero ma, per gran parte del libro, l’autrice si limita a scrivere un semplice romanzo. Gli elementi in grado di far nascere nel lettore delle supposizioni sono pochi e a mio avviso distribuiti male. Ciò ha fatto si che il finale risultasse troppo veloce. I segreti e i misteri sono stati svelati in poche pagine senza dare al lettore il tempo di fare delle ipotesi.

Nonostante le buone potenzialità, i difetti non mi hanno permesso di apprezzare a pieno la storia. Mi sento di consigliare il libro sopratutto per il tema trattato, ma se state cercando un thriller che vi faccia restare incollati alle pagine il nuovo libro di Jess Ryder, forse, non è la scelta giusta.

Il mio voto per questo libro è 3/5

Alla prossima recensione!


Potrebbe interessarti anche:

Un villaggio scomparso | Tim Weaver ->

Un grande Thriller |”La stanza degli ospiti Dreda” di Say Mitchell ->

La fine del tempo | Guido Maria Brera ->

La fiamma nel buio | Michael Connelly ->