Recensione:”La testimone della sposa” di Marzia Accardo

Laura è una ventinovenne immatura e allergica alle responsabilità e alle relazioni serie. Dopo un’assenza di due anni durante la quale ha viaggiato per il mondo, si ritrova costretta suo malgrado a tornare a casa per fare da testimone di nozze alla migliore amica Giulia, affrontando così vecchi fantasmi e questioni lasciate irrisolte. Dovrà scegliere se recuperare il rapporto col timido e sensibile Federico, a cui in passato ha spezzato il cuore, o cedere all’insistente corte di un’ex fiamma che già una volta si è rivelata essere inaffidabile, l’affascinante e selvaggio Jonathan. Questa volta dovrà contare solo sulle sue forze e fare a meno dei preziosi consigli di Giulia, diventata improvvisamente distante e misteriosa, con la madre in disaccordo con le sue scelte e costantemente col fiato sul collo. Tra incidenti di percorso, equivoci e tragicomici tentativi di portare a termine la missione (quasi impossibile) di seguire i suoi buoni propositi e mettersi sulla retta via, Laura cercherà di crescere e di fare finalmente ciò che gli altri si aspettano da lei. Ma quale sarà la strada giusta, seguire l’istinto o la ragione? Non tutto è poi così scontato…

Titolo: La testimone dalla sposa
Autore: Marzia Accardo
Editore: PubMe
Genere: Romance
Data pubblicazione: 26 Marzo 2019
Voto: 4.5/5
Compra su Amazon

Recensione

Superare i propri drammi esistenziali non è sempre scontato e richiede una certa maturità che, spesso, non tutti possiedono. Capita a tutti di imbattersi in amici e conoscenti che dispensano consigli e insegnamenti alacremente senza, in realtà, avere alcun diritto di poterlo fare. Su questo punto si sofferma il romanzo “La testimone della sposa” di Marzia Accardo in cui sebbene la protagonista, la ventinovenne Laura, non manifesti moltissima saggezza, ella trova la risposta ai suoi dubbi solamente interrogandosi fino in fondo. Laura aveva posto molto affidamento sulla vicinanza di Giulia, l’amica che é in procinto di sposarsi e della quale Laura sarà la testimone di nozze, tuttavia man mano che l’intreccio narrativo si districa il lettore costaterà che Giulia, apparentemente sicura di sè, ha le sue fragilità e le sue incertezze che sul finire del romanzo manifesterà come un fiume che straripa mentre la nostra Laura crescerà e prenderà consapevolezza delle sue scelte. La protagonista era mancata dalla sua città per circa due anni e al suo rientro deve obbligatoriamente fare i conti con i suoi vecchi fantasmi: l’amico Federico, ferito dai comportamenti di Laura, l’irresistibile Jonathan, che l’aveva sedotta e abbandonata. La voce del cuore di Laura dovrà decretare a chi attribuire priorità e, soprattutto, quale strada imboccare per essere realizzata. Per certi versi questo testo assume i tratti di un romanzo rosa, ma, oltre la storia sentimentale, si nasconde un topic ricercato e profondo: la giovane protagonista deve scoprire la sua identità, il senso della sua esistenza nel mondo, quindi “La testimone della sposa” é, anche, un romanzo di formazione, la storia raccontata delinea i tratti di un’evoluzione personale. Come libro può appassionare qualsiasi target di lettori in quanto il suo punto di forza é la scelta dell’autrice di contestualizzare la vicenda nella contemporaneità, infatti ognuno potrebbe rispecchiarsi in uno dei personaggi della trama o forse, addirittura, pure in due o tre perché é molto certosino il ritratto che la nostra autrice dipinge di loro, é molto accattivante la caratterizzazione e la stereotipizzazione dei giovani che impreziosiscono questa prosa dai toni leggeri, a volte sarcastici e comici, a volte con una punta riflessiva che non rende torpido l’andamento romanzesco bensì armonizza le sequenze narrative alternandole e dosandole in modo ponderato così il lettore non sarà mai tediato o annoiato dalle pagine di questo libro anzi capitolo dopo capitolo aumenta iperbolicamente la curiosità e la suspence tanto da potersi allietare e terminare la lettura in un solo giorno, come é successo a me. Il lessico e lo stile sono molto colloquiali perché sono molti i dialoghi presenti, questo é un espediente letterario di Marzia Accardo giacché come si può mettere nero su bianco la quotidianità servendosi di un linguaggio dotto? Proprio la comprensibilità e la reperibilità dei termini dell’opera permettono di metabolizzarla e di interiorizzarla senza difficoltà. Racchiude una breve digressione impeccabile sulla vita dei giovani della nostra società che per la sua obiettività non dà adito a pusillanimi biasimi.


Compra su Amazon

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. dariomondini ha detto:

    Bellissima recensione per un libro che adoro

    Piace a 1 persona

    1. Muaty ha detto:

      grazie di essere passato 😊

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.