Recensione “L’Ondembrah” La leggenda del libro sacro Vol.1 di Teresa Maria Desiderio

51vav-ow7jl._sx331_bo1204203200_

Titolo: L’Ondembrah

Serie: La leggenda del libro sacro

Autore: Maria Teresa Desiderio

Casa editrice: Fanucci Editore

Genere: Fantasy

Data pubblicazione: 22 Febbraio 2019

Voto: 5/5

Cartaceo -> 22€ | Ebook -> 4,99€ 


Sinossi

A Sannoth, mondo incantato abitato da ben nove razze differenti, ogni abitante possiede una scintilla magica chiamata Shinpha. Gli Shannobrah cominciano a usarla solo dopo il compimento del decimo anno di età, nel giorno in cui si celebra il Phatiobrah, la festa che consacra questa iniziazione. Goshda e Fadfra sono gemelli e si accingono a rompere il Grongo, il ‘sigillo blocca magia’, nello stesso giorno. Eppure fatti inaspettati e terribili segneranno una giornata che sarebbe dovuta essere meravigliosa. L’apparizione di una piccola e candida piuma porterà scompiglio tra i presenti e farà sì che i due fratelli seguano destini diversi. Fadfra verrà rapita da Yonah, il sovrano degli Elfi custode di una verità inimmaginabile, mentre a Goshda spetteranno compiti ben più gravosi… Su chi ricadrà la sorte di essere il leggendario Ondembrah, il tanto atteso ‘nono dono’? Solo lui sarà in grado di affrontare la missione più importante: risvegliare i dormienti. Il primo capitolo di una potente saga fantasy, un mondo magico popolato da creature strabilianti e governato da forze indomabili.

Recensione

Eccoci qui lettori, finalmente una mia nuova recensione. Sono mancata per un po’ di tempo a causa di impegni vari e per una lettura molto intensa: questa! Esattamente il libro che sto per recensirvi non è una lettura da ombrellone (finalmente il buon tempo sta tornando 😃) ne un breve tomo. Assolutamente no, questo è un librone di più di 600 pagine, ricco e condito di ogni pietanza fantasy che possa venirvi in mente.

Procediamo per gradi. I protagonisti sono due gemelli e noi lettori li incontriamo nel giorno in cui sarebbero stati liberati del sigillo che avrebbe permesso finalmente loro di manifestare le proprie doti magiche. Il tutto sarebbe avvenuto e avviene durante un rito ben preciso, ma come potrete ben immaginare qualche cosa non procede come dovrebbe e la gemella viene presa in custodia da un’altra razza magica. Non specifico quale, perché ad essa sono legati troppi fili che conducono la storia sin dagli albori, aggiungo semplicemente un estratto:

Le principali razze magiche terrestri sono otto:

gli Elfi;
gli Hariath, ovvero fantasmi, entità effimere e incorporee;
i Giganti;
i Nagnomnici suddivisi in Nani e Gnomi, in perenne disputa fra loro;
i Truabriandh;
le Fate;
le Mluslidi o Muse;
gli Shannobrah, definiti anche Maghi.
La nona razza, quella acquatico-marina, è il vastissimo popolo dei Sirneridi (Sirene e Tritoni), suddivisi in ulteriori tre sottospecie: Pannesslidi, Ocirmadi, e Tohmarditi. Fanno eccezione le acque dolci (fiumi, laghi, e
falde acquifere) essendo sotto il controllo esclusivo delle Muse.

Ho scelto questa sezione per farvi capire, il livello e l’impegno che viene richiesto al lettore. L’autrice ha creato un mondo, talmente specifico e dettagliato da richiedere delle fittissime descrizioni. Il filo logico della narrazione è quindi impegnativo e spesso mantenere il ritmo non è facile. Io personalmente ho dovuto interrompere la lettura varie volte per fare il punto della situazione. Con questo non voglio dirvi che ci troviamo davanti ad un libro noioso, anzi, tutt’altro! Semplicemente essendo il primo volume di una saga credo molto lunga, il materiale è talmente ben studiato ed organizzato da richiedere una certa attenzione al lettore. Se infatti nella prima parte ci viene presentato in minima parte il contesto per far iniziare la storia, nella seconda invece, vengono presentati una gran quantità di fatti e di informazioni che servono da supporto alla storia che seguirà e che prende il via con questo primo volume.

Se ho trovato la lettura a tratti impegnativa, lo sprono a continuare è arrivato proprio da essa, perché la voglia di conoscere che ne scaturiva era tale da non concepirne nemmeno lontanamente l’abbandono. Lettura consigliatissima agli appassionati del genere che cercano una saga molto promettente che li accompagnerà per anni. Voto 5/5.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.