Recensione “Delitto nel campo di girasoli” di Marzia Elisabetta Polacco

514xes-xdpl

Titolo: Delitto nel campo di girasoli

Autore: Marzia Elisabetta Polacco

Editore: Newton Compton Editori

Genere: Giallo

Data pubblicazione: 10 Maggio 2018

Voto: 3/5

Cartaceo-> 9,90€ | Ebook-> 2,99€


Sinossi

Borghereto, sonnolento paesino dell’Umbria, ha poco da offrire a chi è in cerca di avventura. Così Leyla, una ragazzina con una passione smodata per il mistero e i libri gialli, passa il tempo scorrazzando in bicicletta per le campagne assolate. Finché una mattina, fra i campi di girasoli, trova il corpo senza vita di una bambina. Leyla si sente improvvisamente catapultata in una delle storie dei suoi libri, tanto più che il caso è affidato proprio a sua madre, il vice commissario di polizia Mirella Vergari. I primi sospetti sembrano subito convergere su un anziano del posto, un uomo scontroso e solitario, detto lo “Strambo”, con pesanti precedenti penali. Il superiore della Vergari, il commissario Pantasileo, spinge per chiudere rapidamente il caso incriminando il vecchio, ma Mirella non è convinta della sua colpevolezza e si ostina a indagare, coinvolgendo negli interrogatori anche altre insospettabili figure del paese. Tutti, a quanto pare, hanno qualche segreto da nascondere… E mentre cerca di tenere a bada la voglia della figlia di intrufolarsi nelle indagini, sarà proprio il suo fiuto a fornirle la chiave per arrivare alla verità…

Recensione

Marzia Elisabetta Polacco è nata a Bari ma ha trascorso l’infanzia a Roma. E’ laureata in Filologia slava. Attualmente insegna danza classica – sua passione fin da bambina – ad Orvieto, dove vive con il marito.

La scuola è appena finita ma per essere l’inizio dell’estate fa già molto caldo. Leyla, intraprendente dodicenne con la passione dei libri gialli, non si scoraggia: inforca la bici che, non a caso, è chiamata Miss Marple, e si spinge nei dintorni del piccolo e tranquillo paesino umbro di Borghereto, dove vive con la sua famiglia. Non immagina che si troverà a vivere una di quelle avventure di cui ha letto nei suoi amati libri!

Il titolo non tragga in inganno: la protagonista di questo giallo non è il vice commissario Vergari, bensì Leyla, sua figlia. Che è dotata di numerosi pregi: intelligente, acuta, positiva, intraprendente, simpatica, irresistibile, socievole, sognatrice e pragmatica nello stesso tempo! Una vera forza della natura! Vola con la fantasia, immaginandosi alla ricerca di indizi e prove in situazioni delittuose e un giorno, proprio mentre è in giro con la bici intenta a dare vita alle sue fantasie, trova, nascosto in un campo di girasoli, il cadavere di una bambina, sua coetanea e che frequentava la sua stessa scuola.
La madre, che essendo il vice commissario del paese deve pur svolgere il suo lavoro, non riesce proprio a scrollarsela di dosso tanto che, in un modo o nell’altro, Leyla riuscirà a partecipare alle indagini, contribuendo alla soluzione del caso.

Il libro mi ha lasciato perplessa per tre motivi: il primo è che mi ha ricordato tantissimo il romanzo per ragazzi “SOS per Kalle Blomkvist” di Astrid Lindgren, che ho letto un secolo fa, essendo, appunto, per ragazzi. Forse l’ambientazione bucolica…; il secondo è che le riunioni dei vecchietti al parco mi hanno ricordato i vecchietti del BARLUME di Marco Malvaldi, anche se, in questo caso, non risolvono delitti, sono solo, come i loro omologhi, pettegoli, impiccioni e parlano in dialetto umbro invece che in toscano; il terzo è il finale che non ti aspetti, uno squarcio improvviso su un gorgo scuro che è, secondo me, troppo in contrasto con l’impronta “amena” del libro.

Comunque, tutto sommato, un romanzo piacevole, non foss’altro per la scorrevolezza della scrittura che permette una lettura agile e scorrevole.

3/5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.