Recensione “Lo straniero” di Albert Camus

41c5knrybdl-_sx353_bo1204203200_

Titolo: Lo straniero

Autore: Albert Camus

Editore: Bompiani

Genere: Classici contemporanei

Data pubblicazione: 1942

Voto: 5/5

Link Amazon


Sinossi

Pubblicato nel 1942, “Lo straniero” è un classico della letteratura contemporanea: protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto – il processo e la condanna a morte – senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Meursault è un eroe “assurdo”, e la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire. Un romanzo tradotto in quaranta lingue, da cui Luchino Visconti ha tratto nel 1967 l’omonimo film con Marcello Mastroianni. Introduzione di Roberto Saviano.

Recensione

Lo Straniero, pubblicato nel 1942, è il romanzo con cui Albert Camus, già attore e giornalista, si è affermato come scrittore, attività che nel 1957 lo condusse al premio Nobel per la letteratura.

La storia del protagonista, Meursault, un modesto impiegato di Algeri, si svolge in due parti.

La prima inizia con la morte della madre, prosegue con la nascita di una relazione amorosa e termina con un inesplicabile omicidio; la seconda narra il conseguente arresto, il processo e la condanna a morte.

Il tutto, se pur raccontato in prima persona, si svolge aridamente, freddamente, più e peggio che se gli eventi avessero riguardato qualcun altro, perché chiunque proverebbe, pena, dispiacere, compassione – nel senso di patire insieme – di fronte a tante dolorose vicende di un suo simile.

Nel dipanarsi della narrazione, non trapela alcun tipo di emozione, come se Meursault fosse un’anima “assente”, condizione che, però, sollecita a tal punto l’anima “presente” del lettore, da indurre sentimenti di disagio, tristezza, depressione, fino all’improvvisa, inaspettata esplosione finale, che deflagra e lascia quest’ultimo attonito, demolendo tutto ciò che ha pensato e creduto fino a quel momento e aprendo, di fatto, uno spiraglio di luce nel buio assoluto in cui si è, finora, dibattuto.

Una lettura scabra, dura, sui meandri dell’animo umano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...