Recensione “Canta per me” di Claudia Piano

41qfek8d4ql

Titolo: Canta per me

Autore: Claudia Piano

Editore: Independently published

Genere: Romanzo Rosa

Data pubblicazione: 6 Aprile 2018

Voto: 4/5

Link Amazon


Sinossi

Sara ha una passione: cantare. È un sogno segreto, perché un’esperienza passata l’ha traumatizzata e adesso ha il terrore di esibirsi. Quindi Sara nasconde in sé il suo cuore “canterino”. Lo chiama Cip, un uccellino che lei immagina di avere al posto del cuore, che vola, saltella e canta con lei. L’estate è finita e Sara è entusiasta: sta per iniziare il quarto anno al Liceo Musicale Pertini di Genova; rivedrà i suoi compagni e riprenderanno le lezioni. Non è una secchiona, ma studiare le piace, la fa sentire bene. Beh, forse è davvero una secchiona. Adora mettersi alla prova, imparare cose nuove, ma ha sempre condiviso questa sua dote con i suoi compagni, aiutandoli, talvolta lasciando che approfittassero del suo buon cuore. Il rientro a scuola, però, porta novità inaspettate. La sua migliore amica Sonia è distaccata e scontrosa. Sembra avercela con lei e non perde occasione per metterla in ridicolo davanti ai compagni. Che le è successo? Fabio, il ragazzo più bello della classe, prende le difese di Sara. Chissà, forse ha bisogno d’aiuto con lo studio? La professoressa di canto ha deciso di mettere in scena un musical: “La Bella e la Bestia”. Riuscirà a convincere Sara a partecipare?

Recensione

Un racconto semplice, senza troppi fronzoli e alla portata di tutti. L’apparente semplicità nasconde però un percorso di crescita della protagonista, il superamento delle proprio paure. Apparentemente dovute a un’insicurezza, ma con lo scorrere della narrazione, si scoprirà dovute da un grosso trauma infantile. Un talento che quindi altrimenti rimarrebbe celato.

La scrittura dell’autrice è fluida e i capitoli sono saturi al punto giusto. Il punto forte del libro è la semplicità e il fatto che nulla è lasciato al caso, infatti tutto è misurato e nulla è superfluo.

I protagonisti sono degli adolescenti che frequentano il quarto anno del Liceo Musicale Pertini di Genova, una scuola vera quindi. Un’ambientazione che l’autrice ha potuto vedere con i suoi occhi e vivendola ha potuto renderla ancora meglio nel testo, portandoci a viverla noi stessi. Sembra quasi di essere tra i banchi di scuola o di partecipare in prima persona alle interrogazioni, tale è la capacità dell’autrice di rendere reale ciò che scrive.

Un libro semplice, dolce, frizzante e fresco. Perfetto per questo periodo primaverile e pre-estivo, perché lascia sulla pelle e nella mente del lettore tanta serenità, mentre sulle labbra si forma inconsapevolmente un sorriso.

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Claudia Piano ha detto:

    Grazie mille per la bella recensione

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.