Il Diario di Mr. Darcy di Amanda Grange #Recensione

grange_il-diario-di-mr-darcy

Fitzwilliam Darcy è l’eroe romantico che da duecento anni a questa parte continua a conquistare il cuore di milioni di lettrici in tutto il mondo. In questa coinvolgente e fedele rivisitazione di “Orgoglio e pregiudizio”, finalmente la storia di Darcy ed Elizabeth viene raccontata dal punto di vista di lui. Per la prima volta abbiamo accesso ai suoi pensieri e sentimenti più intimi, riversati nelle pagine del suo diario, e a tutti quei momenti e quelle situazioni a cui nell’originale si fa solo cenno. All’apparenza freddo e distaccato, Darcy in realtà ha un temperamento passionale: possiamo condividere la sua furia e la sua indignazione nello scoprire il proposito della sorella di fuggire con George Wickham, la sua buona fede nell’adoperarsi per separare l’amico Charles Bingley da Jane Bennet e il suo disgusto nel dover di nuovo aver a che fare con Wickham, che ora insidia proprio la famiglia Bennet. Ma, sopra ogni altra cosa, attraverso le parole di Darcy ripercorriamo la sua storia d’amore con Elizabeth in tutte le sue sfumature, dall’iniziale ostilità all’irresistibile attrazione, dal conflitto interiore fino all’indimenticabile lieto fine. “Il diario di Mr. Darcy” è un rispettoso omaggio al capolavoro di Jane Austen, e un’occasione imperdibile per rivivere ancora una volta le emozioni e le atmosfere che ha saputo creare.

Amanda Grange è una scrittrice inglese specializzata in reinterpretazione dei grandi classici della letteratura. La sua attenzione si concentra in particolar modo sul mondo di carta di Jane Austen, ma spesso si dedica ad imbastire storie e saghe su eventi storici realmente accaduti.

Il mio pensiero: Il Diario di Mr. Darcy è un viaggio che ci riporta nel mondo della Austen, senza rivoluzionarlo o lederne le fondamenta, ma con uno studio approfondito e consono al capolavoro da cui è derivato. La Grange è stata rispettosa  e ha creato il Diario, attraverso un calendario da lei studiato tramite le poche indicazioni temporali trovate nell’originale.

Amanda Grange ha ricostruito un calendario di Orgoglio e pregiudizio  molto dettagliato, partendo dal presupposto che le vicende avessero inizio nel 1799 e ci concludessero a Natale 1800, in base alle pochissime date che Jane Austen ha disseminato nel romanzo, prima fra tutte quella del ballo di Netherfield, che doveva cadere di martedì 26 novembre (ecco perché la scelta dell’anno 1799). Talvolta la Grande ha dovuto modificare qualche data, perché Jane Austen non ha fatto calcoli precisi e dunque le date sul calendario non combaciavano. Dovendo scrivere un Diario, invece, per la Grange questo costituiva un dettaglio essenziale.

Il testo/diario,è  curato e non fine a se stesso. La profondità del testo di Jane Austen non è abbandonata, come in questi casi:

Non era bella, eppure preferire guardare il suo volto pi di qualunque altro. Non è colta, eppure la sua intelligenza la rende un’interlocutrice vivace e la conversazione con lei è stimolante. E’ da tanto tempo che non ho dispute verbali, anzi, non sono sicuro di averne mai avute prima, eppure con lei sono spesso impegnato in duello di intelletti.

[…] La mia stima, una volta perduta, è perduta per sempre.

Quando fa uno dei suoi commenti spiritosi, solleva il viso in un modo tale che vengo preso dal desiderio travolgente di baciarla. Centro non potrei mai cedere a un simile impulso; tuttavia c’è.

Copra Libro su Amazon

 

Annunci

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...