Recensione "Morte sottovento" Amanda Garrone indaga Vol. 2 di Daria Lucca

Una vacanza nel golfo del Tigullio potrà mettere un freno al fiuto investigativo di Amanda?

La vacanza è forzata per i troppi giorni trascorsi in servizio, ma il luogo è da sogno: Santa Margherita Ligure e lo splendore del golfo del Tigullio. Amanda, ospite di una collega, avrebbe tutte le carte per godersi in pace il mare, il sole, la fresca brezza di maggio. Le cose però non vanno così: una vecchia amica del posto, diventata avvocato, chiede il suo aiuto a nome di un cliente vittima di ricatto perché avrebbe comprato illegalmente il cuore trapiantato al figlio cardiopatico. Catturata dal richiamo della “caccia”, Amanda si getta in una personale inchiesta che la porterà a confrontarsi con situazioni drammatiche e con le contraddizioni umane più vere, che rischiano di coinvolgere anche la sua vita privata, in uno scenario da intrigo internazionale.

Un nuovo capitolo della serie che vede protagonista Amanda Garrone, un romanzo che affronta temi duri, quasi impronunciabili, ma senza perdere l’ironia, il senso di giustizia e il gusto per la vita e la libertà che ci hanno già fatto amare la vicequestrice di Siena.

Titolo: Morte sottovento – Amanda Garrone indaga Vol. 2
Autore: Daria Lucca
Editore:  Amazon publishing
Genere: Giallo
Data di pubblicazione: 14 Gennaio 2020
Voto: 5/5

Cartaceo -> 9,99€ | Ebook -> 4,99€


Recensione

Nonostante ci si trovi di fronte al secondo volume della serie sulle indagini di Amanda Garrone. Posso assicurarvi che potrere leggerlo come se si trattasse di un volume autoconclusivo o non preceduto da altro. Certamente in alcuni momenti si fa riferimento a situazioni personali dei protagonisti che sono sicuramente state trattate nel precedente volume, ma si può soprassedere a ciò. Personalmente ho trovato la lettura molto fluida ed interessante. Essendo io ligure ed essendo la vicenda ambientata nella splendida riviera in cui sono nata e crescita, ho apprezzato molto e visto con occhi sognanti i luoghi protagonisti della vicenda. Ciò che mi ha lasciata un pochino perplessa è la copertina, la cui foto è presa dalla spezzina Portovenere, nonostante questo luogo non sia mai citato ne sia fulcro diretto o indiretto della vicenda. Da spezzina non posso che farlo notare e sottolinearlo.

Tornando alla storia vera e propria. Nonostante un inizio che ha fatto fatica a decollare, ho poi divorato il libro in pochissimo tempo. I fatti narrati sono molto originali e nonostante all’inizio sia un pochino difficoltoso seguire l’incrocio creato dai molti individui che ne fanno parte, è poi tutto reso in maniera chiara.

Non leggo molti libri di questo genere ma ho apprezzato molto la penna dell’autrice e la fantasia nel riuscire a creare una tale sovrapposizione di fatti che uniscono come unico filo conduttori nazioni, popoli e storie di vita.

Assolutamente consigliato, un Giallo da leggere e da assaporare fino all’ultima pagina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.